BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

INTERCETTAZIONI AI GIORNALI/ Luttwak: per questi Pm negli Usa una pena di 20-30 anni

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Questo malcostume deve finire adesso. Se c’è un’indagine e i dati sono pubblicati sui giornali, senza essere presi da un documento ufficiale di un tribunale, si devono subito mettere in campo tutti i possibili sforzi investigativi, scoprire chi è stato e se è un magistrato o un funzionario deve essere processato per direttissima e condannato per sabotaggio del sistema di giustizia. In America per questo reato le pene sono tra i 20 e i 30 anni.

 

Per Sabelli dell’Anm “i magistrati sono stati virtualmente schiaffeggiati e i corrotti accarezzati”. Lei che cosa ne pensa?

Penso che la riforma della giustizia è diventata la prima priorità in Italia. Bisogna mettere un freno all’arbitrio inquirente. Il fatto che Calogero Mannino sia stato processato per 17 anni, che la Cassazione abbia annullato la sua condanna e che la Procura abbia iniziato un nuovo processo la dice lunga. La magistratura è una casta che utilizza i suoi poteri a scopi politici, come documenta il caso di Ingroia.

 

Una riforma della giustizia è possibile?

Spero che gli italiani appoggeranno Renzi nel suo confronto con questa casta di magistrati che hanno colonizzato l’Italia. Quelli che dovrebbero essere i servi dello Stato vogliono diventarne i padroni. E quando la Cassazione annulla le condanne, loro ricominciano da capo. Un magistrato in Italia può inquisirmi per un’accusa priva di fondamento, portarmi a un processo dopo l’altro per poi scoprire, magari solo di qui a 20 anni, che era tutto basato su un falso o su un errore macroscopico... come è possibile? In caso di errori gravi, dovrebbero essere licenziati o condannati a pagare i risarcimenti.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/03/2015 - Sognare (Moeller Martin)

Un'Italia senza magistratura delinquenziale? Nessuno potra mai toglierci la libertà di sognare.