BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ITALICUM/ Panebianco: un sistema "alla Renzi" che riconsegna l'Italia ai partiti

InfophotoInfophoto

Civati fotografa la realtà ma la legge stabilizza la politica italiana. Personalmente sono convinto che il doppio turno alla francese sia migliore di questo sistema, e che fornisca delle garanzie di durata e tenuta maggiori. Questa però è soltanto accademia, perché di fatto l’unica vera alternativa è tra l’Italicum e il proporzionale che esce dalla sentenza della Corte costituzionale. 

 

Ma non è in corso un dibattito?

No, ormai non c’è più nessun dibattito. I collegi uninominali non sono neanche stati presi in considerazione e i giochi ormai sono fatti. Siccome in molti pensano che sarebbe devastante andare a votare con il sistema proporzionale uscito dalla sentenza della Corte, meglio l’Italicum benché ben pochi ne siano entusiasti.

 

I capilista bloccati sono così diversi dai collegi uninominali?

Sì. La differenza è nel fatto che con i collegi uninominali vince un solo candidato e questo personalizza notevolmente il voto. Questa è anche la ragione per cui nessuno li vuole, perché chi vince in un collegio uninominale ha una forza contrattuale nei confronti dei leader del partito superiore rispetto a chi esce da una lista bloccata. In quest’ultimo caso un candidato è messo lì dai suoi capi e se vince non è certo per merito suo. In un collegio uninominale al contrario il candidato ci mette la sua faccia, e chi vince acquista una posizione di forza perché è lui ad avere ottenuto i voti degli elettori. Ciò è normalmente insopportabile per i leader dei partiti e proprio per questo non vogliono i collegi uninominali.

 

Sempre nel suo ultimo editoriale lei nota la grande diversità di consenso in cui si sono trovati i governi Berlusconi e Renzi. Da che cosa dipende questa differenza?

Il governo Berlusconi si trovò a fronteggiare l’opposizione di molti gruppi che ritenevano di essere penalizzati dalla sua presenza. C’era quindi una grandissima coalizione contraria a lui, un insieme di forze molto variegate che temevano un consolidamento della sua posizione. Renzi invece ha il vantaggio di avere avversari deboli, e anche quelli cui piace poco non vedono alternative. Molti di quelli che lo appoggiano non sono affatto entusiasti di lui, ma lo percepiscono come il male minore rispetto a un Berlusconi in calo, per non parlare di Grillo e Salvini.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/04/2015 - l'Italia soffre di una crisi di rappresentanza (antonino sidoti)

Se la crisi economica e sociale del nostro paese non fosse la causa della difficoltà di lavorare e di mettere su famiglia ma fosse invece causata da una mancanza di coesione nazionale per il bene comune, allora una rappresentanza più accurata del paese, della società e degli interessi che vi albergano sarebbe necessaria. La preoccupazione della governabilità viene sempre messa davanti e prima qualsiasi scelta del modello elettorale come se per definizione ci fosse qualcuno già capace di delineare e comporre gli interessi delle persone, dei soggetti e corpi intermedi della società. Allora chi vince si costruisce il proprio modello elettorale. E'questo modo di concepire la rappresentanza che è anticostituzionale. Bisogna fare il percorso contrario anche correndo il rischio che siedano in parlamento forze velleitarie che non vogliono veramente governare il paese o che vogliono farlo per procura di poteri non eletti. Ovvero bisogna costruire una legge elettorale che permetta ai cittadini di esprimere tutta la varietà della società e di selezionare una classe dirigente politica che sappia tenere in conto tutti gli interessi mentre governa: in democrazia il proporzionale con tutti i possibili correttivi è la legge più adatta. Se i candidati vengono scelti prima da alcuni oligarchi la nostra crisi è destinata a peggiorare. L'Italicum non sembra fornire queste garanzie per l' esagerato premio di maggioranza, per i capilista bloccati fino a 10 e per le modalità del ballottaggio.