BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITALICUM/ D'Attorre (Pd): Renzi non ha i numeri per approvarlo

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Lo vedremo in aula, ma il tentativo di dividere una minoranza buona e una cattiva, magari lusingando la prima con la promessa di posti garantiti alle prossime elezioni, non è certo una scelta lungimirante. In Parlamento si manifesterà un dissenso che potrebbe essere più esteso rispetto ai confini della minoranza Pd. D’altra parte quando discutiamo di temi come la Costituzione e la democrazia, è bene che i convincimenti di fondo siano anteposti sia rispetto all’appartenenza di corrente ma anche rispetto all’appartenenza di partito.

 

Il vero obiettivo nell’approvare l’Italicum è fare sparire la minoranza Pd?

Sono rimasto colpito dal fatto che in Direzione Renzi non abbia fatto neppure una piccola menzione alla riforma costituzionale. La sensazione che molti hanno è che Renzi voglia farsi approvare la legge elettorale e poi andare al voto nel giro di qualche mese, abbandonando al suo destino la riforma del Senato.

 

Ma il premier non ha sempre detto che il suo governo durerà fino al 2018?

Se l’Italicum dovesse essere approvato con uno strappo molto forte nel partito e nella maggioranza di governo è chiaro che le riforme costituzionali verrebbero a trovarsi su un terreno molto accidentato. A quel punto si creerebbe un piano inclinato verso possibili elezioni anticipate. Anche per questo noi rinnoveremo fino all’ultimo istante utile l’appello a Renzi a concordare un pacchetto di modifiche condivise alla legge elettorale e alla riforma costituzionale.

 

La pattuglia di Verdini alla fine verrà in soccorso di Renzi?

Il fatto che Renzi si fidi di più di Verdini che di una larga parte del suo partito davvero non è un bel segnale. Io mi auguro che ci sia un soprassalto di saggezza e che si possa tornare al metodo Mattarella, che dimostra che quando il Pd trova l’equilibrio al suo interno poi in Parlamento è molto facile raggiungere intese e condivisioni molto ampie.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.