BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ITALICUM/ Renzi "gioca" con Mattarella, ma sbaglia

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

No! Niente affatto. Sarebbe una semplificazione inaccettabile. Si attribuire al silenzio del presidente Mattarella un inedito significato politico. 

Perché?
La circostanza che il presidente Mattarella non si sia pronunciato sulla vicenda Italicum e Pd è un elemento di correttezza costituzionale. La legge elettorale è prerogativa delle Camere e solo delle Camere; la presenza di Renzi nel dibattito si giustifica in quanto segretario del partito che ha nelle Camere i gruppi più numerosi, ma come presidente del Consiglio dei ministri dovrebbe tacere e insieme a lui tutti i ministri; ecco perché l'ipotesi della fiducia è considerata negativamente.

Dunque Mattarella…
Per il momento fa bene a mantenere una certa discrezione, quando sarà ora eserciterà le sue prerogative sulla legge elettorale secondo quanto prevede la Costituzione e nel rispetto delle forme in cui è previsto il dialogo tra capo dello Stato e Camere: rinvio, messaggio, eccetera.

Non è verosimile che Renzi, prima di garantire i voti del Pd a Mattarella per insediarlo sul Colle, gli abbia chiesto un sì previo sulla legge elettorale?
Non è affatto verosimile che Renzi possa aver chiesto alcunché, in cambio della candidatura del giudice costituzionale Sergio Mattarella. Sarebbe stata un'offesa all'uomo, alla sua storia personale e politica e all'istituzione nella quale al momento era inserito. 

Il primo test è oggi con il voto sulle pregiudiziali di costituzionalità, poste anche da Forza Italia. Lei come spiega il balletto di Berlusconi?
Anche Berlusconi ha distrutto il suo partito con il patto del Nazareno e i sondaggi non danno segni di ripresa; inoltre la sua riabilitazione, che doveva avvenire con il decreto fiscale, non si è realizzata. L'abbraccio di Renzi poteva diventare mortale. Di qui il cambiamento di linea. Non fa una bella figura nell'avversare un testo di legge che ha concordato e votato, ma questo per Berlusconi è il problema minore. 

Secondo lei questa versione dell'Italicum sarebbe ancora emendabile?
L'Italicum è così brutto che è difficilmente emendabile. Nessuna delle condizioni della sentenza costituzionale n. 1 del 2014 è stata rispettata, e questo dopo avere criticato oltre misura la legge Calderoli. 

Ma allora Renzi cosa sta facendo?
Si sta comportando come un giocatore di poker che rilancia alto, nella speranza che nessuno venga a vedere il punto che ha per davvero. Tecnicamente potrebbe essere un bluff. Deve stare attento; se si va a vedere e il punto è basso corre il rischio di perdere tutto.

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
28/04/2015 - Il bluff (Vittorio Cionini)

Tutti stanno bluffando ed é giustificabile perché la partita é mortale. Si tratta di un duello che si svolge su un filo sospeso nel vuoto sopra un girone infernale di interessi, alleanze e contrasti ogni giorno più intricati dentro e fuori casa. Purtroppo i giocatori non sembrano adeguati alla gravità della situazione. Se non altro perché tutti vincolati a interessi contrastanti. Nello schiamazzo del nostro italico cortile personalmente trovo un piccolo motivo di conforto nel silenzio del Capo dello Stato. Spero vivamente che sia un segno della "calma dei forti".