BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

ITALICUM/ Baldassarre: è un "mostro" incostituzionale

Approvato il primo articolo dell'Italicum (Infophoto)Approvato il primo articolo dell'Italicum (Infophoto)

I magistrati in questo caso hanno ragione da vendere. La legge elettorale, sommata alla riforma costituzionale, attribuisce alla maggioranza un potere per le stesse nomine di garanzia che non esiste in nessun altro Paese al mondo. Il governo si ritrova con dei “superpoteri” che non hanno riscontro da nessuna parte. Nel Regno Unito per esempio non è elettiva nessuna delle istituzioni di garanzia, cioè la regina, il corrispettivo della nostra Corte costituzionale e la commissione Giustizia della Camera dei Lord. Il premier britannico gode di ampi poteri, ma tra questi non c’è la possibilità di nominare le istituzioni di garanzia.

 

Non ritiene giusto che la legge elettorale garantisca la governabilità?

Certo, ma occorre misura in tutte le cose. Non c’è dubbio che l’Italicum garantisca sia la rappresentatività sia la governabilità, il problema è il bilanciamento tra questi due valori. Quello che sottolineano i magistrati di Area, secondo me giustamente, è che la maggioranza arriverebbe a nominare le stesse istituzioni di garanzia. Con la nuova legge elettorale, i cinque giudici costituzionali di nomina parlamentare sarebbero tutti scelti dal governo. Ciò significa fare saltare le garanzie più importanti previste dalla Costituzione.

 

Secondo lei l’Italicum è costituzionale?

Ritengo che l’Italicum sia una legge a rischio di legittimità costituzionale. Non solo per la questione dei capilista bloccati, ma soprattutto per il fatto che nel momento in cui si dovesse andare al ballottaggio non ci sarebbe nessun limite al premio di maggioranza. Poniamo che al ballottaggio vadano un partito che ha preso il 25% e un altro con il 20%. In questo caso si riproporrebbe la stessa cosa che avveniva con il Porcellum, cioè un partito che arriva al 25% otterrebbe il 55% dei seggi.

 

Ma il ballottaggio di fatto non restituisce l’ultima parola agli elettori?

Il problema non è che sia o meno restituita l’ultima parola agli elettori, ma il venir meno della soglia di sbarramento per accedere al premio di maggioranza. La Corte costituzionale dichiarò illegittimo il Porcellum proprio perché non aveva previsto alcun limite ragionevole per arrivare a prendere il premio di maggioranza. Con il ballottaggio dell’Italicum avverrebbe esattamente la stessa cosa.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.