BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RENZI vs MARINO/ Un polverone "mediatico" che copre i veri guai del Governo

Pubblicazione:

Ignazio Marino (Infophoto)  Ignazio Marino (Infophoto)

Il Renzi rottamatore non esiste più. Avrà pure mandato via D’Alema, Veltroni e Livia Turco, ma in compenso si è tenuto De Luca, Burlando e Crisafulli. Nessuno dei “califfi” del Pd è stato accantonato dal segretario. Renzi comincia però a capire che alcune cose vanno fatte diversamente.

 

Che cosa in particolare?

La scuola è un tema su cui sono cadute decine di governi dal Dopoguerra a oggi. Non ci vuole un genio per capire che non si può affrontare questo problema senza discutere con gli insegnanti. Mio figlio ha 13 anni e tutti i professori nella sua scuola sono arrabbiati, a prescindere dall’orientamento politico. Il decisionismo è una virtù quando è fondata sulla presa d’atto dell’interesse generale. Se gli insegnanti non la pensano così evidentemente c’è un problema di sostanza e non solo di comunicazione.

 

Che cosa ne pensa dell’empasse del governo sull’immigrazione?

Sull’immigrazione si fa una demagogia enorme. Salvini dice solo stupidaggini, perché l’Ungheria può costruire un muro ma l’Italia è una penisola e non può fare altrettanto. I flussi dall’Africa hanno le stesse proporzioni che nei secoli scorsi ebbe l’emigrazione dall’Europa all’America. Quello che deve fare Renzi è dire la verità, cioè che è probabile che arriveranno molti immigrati. Dobbiamo però gestire la quotidianità. Mi domando come sia possibile che arrivino 100 immigrati a Roma o Milano e vengano lasciati a dormire per terra nelle stazioni, senza che vi sia un minimo di accoglienza.

 

Come valuta invece il fronte aperto con l’Europa?

Con il caso immigrazione si sta consumando uno dei miti del centrosinistra: quello europeo. L’Ue appare sempre più ai cittadini come un organismo vessatorio. Se lascia a Grillo e Salvini la critica dell’Europa, il Pd perde la battuta. L’Italia può selezionare, accogliere, fare sentire le sue ragioni nelle sedi europee fino al punto di minacciare l’uscita, perché se l’Europa non è solidale con l’Italia su un tema così cruciale non si capisce che cosa rimaniamo a fare nell’Unione.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
18/06/2015 - Sindaco blindato (Italo Amitrano)

Oggi Marino ha detto spavaldamente che occuperà la poltrona di sindaco fino al 2023. Cosa dedurne ? "Faccia d'angelo", se mostra tanta sicurezza, vuol dire che ha le spalle coperte dalla lobby lgbt, un potere di dimensioni mondiali, pari solo alla massoneria.