BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI/ Stanchi di votare, perché?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Oggi, invece, i partiti politici non offrono un'organizzazione partecipativa, o un'attività coinvolgente, anzi vedono con un certo fastidio i militanti; e quando vanno al governo, studiano riforme che riducono la democrazia o la rendono virtuale. I partiti in Italia sono stati tutti d'accordo nel cancellare livelli di rappresentanza politica fondata sul voto diretto dei cittadini; adesso va di moda la rappresentanza di secondo livello, fatta di politici che eleggono altri politici. Perfetto!

E i cittadini?

Hanno compreso perfettamente che la classe dirigente non rappresenta i loro bisogni e non soddisfa le loro aspettative, che i partiti sono piccole oligarchie e che i governi sono preda di interessi finanziari internazionali e di lobbies potenti e oscure. Così la coesione tra governanti e governati, vera sostanza della democrazia di un Paese, si è consumata e non esiste più.

I cittadini diffidano della classe politica, disertano il voto, considerandolo una pratica sempre più estranea che non i rappresenta e temono ormai l'oppressione fiscale e persino fisica del proprio governo; e questo, proprio questo, da garante della sovranità del popolo, si atteggia ora a "guardiano" del popolo.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.