BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RENZI-1/ Il bluff che nasconde il fallimento del premier

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Evidentemente a chi non sa che si tratta dello 0,3 e che a spingere sono la Bce, il calo del prezzo del petrolio e il deprezzamento dell'euro (con risultati per l'Italia inferiori alle attese). A chi si rivolge Renzi quando dichiara al Corriere della Sera che non è vero che viene escluso dai vertici internazionali (ma che è lui a disertarli perché irrilevanti), se in parallelo c'è persino il presidente della Confindustria, Squinzi, che protesta per l'emarginazione di Renzi da parte della Merkel e di Hollande?

Anche la scelta di Mattarella è stata sbrigativa e da "giro stretto". Al di là del culto della personalità verso il Quirinale in vigore nella "seconda Repubblica", la verità è che Renzi per la successione a Napolitano ha ripiegato sulla figura che gli desse meno ombra nel modo più disordinato: dopo essersi assicurato attraverso la Boschi che Mattarella non aveva obiezioni sulle riforme elettorali e costituzionali del governo, lo ha eletto a sorpresa determinando una rottura frontale con Berlusconi e una ricucitura effimera con Bersani. 

Dopo il risultato deludente nelle amministrative come si è occupato il premier-segretario delle realtà locali? Da un lato si è incontrato a Palazzo Chigi con De Luca per concordare come tutelare lui e il Pd campano di fronte alla legge Severino e dall'altro punta alla sostituzione di Marino. Rottamazione o presa del potere? 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
22/06/2015 - politica (claudia mazzola)

Tutto cambia e si fa nuovo, ma c'è una cosa che è sempre quella, eterna, ripetitiva: la politica.

 
22/06/2015 - commento (francesco taddei)

in italia un vero cambiamento può solo essere imposto. la più condivisa delle riforme, i prepensionamenti, ci sono costati il futuro delle prossime generazioni. le riforme dei contratti di lavoro, della scuola, delle regioni, le privatizzazioni delle municipalizzate,non possono avere consenso ma vanno portate avanti. con il ricatto, come ha fatto monti e come fa renzi adesso.