BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MAFIA CAPITALE/ Caldarola: questa volta Renzi non può chiamarsi fuori

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Marino non c’entra nulla in questa vicenda, il suo problema è un altro. Mi riferisco alla sua capacità amministrativa e soprattutto di essere un leader della città. Il sindaco non ha imbroccato la strada giusta, Roma è visibilmente affranta, trascurata e sporca. La questione Marino quindi non esiste in rapporto a Mafia capitale, ma a una città che non ha una guida adeguata.

 

Questo scandalo fa in qualche modo comodo a Renzi, in quanto implica indirettamente personalità non renziane come Zingaretti e Marino?

Assolutamente no. In questo momento qualunque cosa capiti al Pd è messa sulle spalle del suo segretario. Non si è mai visto che un segretario di fronte a incidenti che coinvolgono il suo partito se ne chiami fuori.

 

Alfano si trova nella stessa situazione che spinse il ministro Lupi a dimettersi?

Questa vicenda è molto delicata, perché qui siamo molto più avanti della vicenda Lupi. Quest’ultima, come si è visto, è stata un fatto più mediatico che giudiziario. Invece il sottosegretario Giuseppe Castiglione è coinvolto da un caso giudiziario. E’ una situazione più grave rispetto a quella che spinse Lupi a dimettersi.

 

Orfini è commissario del Pd dal dicembre 2014. Non ha fatto abbastanza, o la vicenda si era già troppo allargata?

Il commissario del Pd non era adatto a svolgere questo ruolo perché è uno dei capi delle fazioni che si sono combattute a Roma. Quando si commissaria un’organizzazione politica non si sceglie uno dei generali della guerra civile, ma si prende un personaggio che sia lontano dal teatro di guerra. Quando si commissariarono Napoli e la Campania si prese Andrea Orlando dalla Liguria. Non capisco perché, invece, per commissariare Roma si sia preso uno dei “signori delle tessere” romani.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
06/06/2015 - commento (francesco taddei)

caldarola in italia il controllo è facoltativo e se c'è è fatto dagli amici. lei con la sua lunga militanza e i suoi vitalizi dovrebbe ben saperlo.