BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: Renzi, a rischio la fiducia di Mattarella

Pubblicazione:venerdì 31 luglio 2015

Sergio Mattarella Sergio Mattarella

Pur di trovare un compromesso effettivo con la minoranza, deve anche accettare di pagare un prezzo. Renzi deve avere un minimo di umiltà e non puntare tutto sul plebiscito. Sembra che il segretario Pd non veda l’ora di arrivare al referendum finale, che imposterà come un plebiscito su se stesso. Quando Mattarella afferma che “nessuno in democrazia è un uomo solo al comando”, non la percepisco come una critica a Renzi. Il premier deve però capire che cosa significhi che in questo momento c’è bisogno di dare una soluzione politica ai problemi aperti.

 

La minoranza Pd vede in Renzi un nemico?

E’ chiaro che la minoranza Pd vede in Renzi un pericolo e un nemico. E’ il premier che deve dare una risposta a questo tipo di preoccupazioni. Occorre affrontare il nodo politico, cioè che una fetta importante del partito vuole liberarsi di Renzi approfittando della riforma del Senato. Il premier per evitarlo deve dare una risposta adeguata a questo livello di conflittualità.

 

Se Renzi fa la pace con la sinistra, può ambire ancora al 40% delle Europee?

Difficile dirlo, ma Renzi deve decidere che cosa vuole essere. Finora lo “sfondamento al centro” non gli è riuscito. L’accordo con Alfano e il fatto che ci siano dei senatori di centrodestra che si aggiungono non significa che ci sia uno spostamento verso il centro o il centrodestra, tantomeno dal punto di vista dell’opinione pubblica. Questo obbliga il premier a trovare un accordo con la minoranza interna, altrimenti rischia di trovarsi senza sinistra e senza centro come è avvenuto alle ultime amministrative.

 

Quindi l’ingresso di Verdini in maggioranza non cambia nulla?

Cambia poco. Sono dei voti che si aggiungono, ma non credo che Renzi possa veramente pensare di sostituire i voti mancanti nel Pd con i verdiniani. Se fosse così il governo non avrebbe un futuro.

 

Infine qual è la posta in palio della partita sulla Rai?

Il fatto che si utilizzi la Gasparri per sostituire la governance della Rai significa che c’è un’urgenza di dare alla tv pubblica dei vertici che siano lo specchio di questa fase politica.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.