BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GRECIA-ITALIA/ Fassina: dopo Atene tocca a noi. E Renzi plaude alla Merkel

Stefano Fassina (Infophoto)Stefano Fassina (Infophoto)

L’obiettivo della Germania e dell’Eurogruppo nei confronti di Tsipras è certamente ripetere quanto fu fatto nel 2011 nei confronti di Papandreu. Allora un governo eletto democraticamente fu sostituito da un maggiordomo per fare interessi che non sono certamente quelli del popolo greco.

 

Lei domenica sarà in piazza ad Atene. Con quale obiettivo?

Esprimere solidarietà al popolo greco e al governo Tsipras, lasciati soli dall’intera famiglia socialista europea. Vogliamo anche guardare all’interesse dell’Italia, perché è evidente che quanto succede in Grecia per noi è molto rilevante. Il programma che si vuole imporre ad Atene è lo stesso che vige per l’Eurozona. Non funziona per la Grecia, e come è evidente non funziona neanche per noi. L’interesse a una radicale correzione di rotta in Grecia è lo stesso che abbiamo in Italia, anche se purtroppo il governo Renzi non coglie questo aspetto. Anzi continua ad affidarsi a ricette fallimentari per la ripresa che purtroppo senza un cambiamento radicale di rotta non arriverà.

 

Da Atene alla convention di ieri, al teatro Palladium di Roma. Qual è il filo conduttore che lega i due eventi?

Vogliamo dare risposte al mondo della scuola, che è stato pesantemente colpito dalla riforma Renzi-Giannini, e al mondo del lavoro cui sono state sottratte le ultime tutele, senza nessun intervento per estendere il welfare ai lavoratori precari.

 

E’ la stessa ricetta imposta dalla Germania alla Grecia?

In un certo senso sì. Noi intendiamo raccogliere le domande di chi non ce la fa e di quella larga parte di popolo democratico che, come abbiamo visto a partire dalle elezioni in Emilia-Romagna e poi dalle amministrative del 31 maggio scorso, non considera più il Pd come il suo punto di riferimento. Un popolo che si astiene in massa oppure sceglie altri partiti. Noi vorremmo riportare quel pezzo di popolo democratico a sperare e a combattere per il lavoro, la giustizia sociale, un ambiente migliore e il riscatto dalla povertà.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/07/2015 - commento (francesco taddei)

fassina era viceministro del governo filotedesco di letta e ha proposto e votato tutti gli aumenti di tasse.