BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

GREXIT?/ Borghi: solo la dracma può salvare Atene

Angela Merkel (Infophoto)Angela Merkel (Infophoto)

L’enorme macchina mistificatrice dell’Ue mira a utilizzare il referendum greco per mostrare le difficoltà che avrà Atene, e per far credere che sarebbero le stesse difficoltà cui andrebbe incontro anche l’Italia in caso di uscita. Le difficoltà greche, in caso di mancato sostegno da parte dell’Europa, deriveranno non tanto dal cambio di valuta quanto dalla mancanza di finanziamenti. Essendo uno Stato sussidiato, nel momento in cui chi sussidia chiude i rubinetti Atene andrà in grave difficoltà. Ma non dimentichiamoci che l’Italia è uno dei Paesi che erogano i sussidi, prestando soldi alla Grecia, e non viceversa.

 

Quali conseguenze avrà il referendum greco per l’intera Unione Europea?

La Lega nord chiede che tutti i Paesi membri dell’Ue si siedano attorno a un tavolo. Il vertice di oggi potrebbe essere un’occasione in tale senso, anche se purtroppo a rappresentarci non c’è un vero patriota bensì uno smidollato come Matteo Renzi. L’Italia dovrebbe dire: “Se qui non cambia tutto noi ce ne andiamo”. E se non ci fosse un modo per uscire dall’euro attraverso un accordo, cosa che sarebbe veramente nell’interesse di tutti, a quel punto dovremmo attrezzarci per un’uscita unilaterale.

 

Lei dice che in Europa deve cambiare tutto. In che modo?

Noi della Lega vogliamo un’Europa nella quale tutti i Paesi abbiano la loro sovranità monetaria, ma in cui ci possano essere degli accordi per creare aree di libero scambio e con standard comuni. Pensiamo al rapporto molto più disincantato e tranquillo nei confronti dell’Ue che ha il Regno Unito. Si è mai chiesto perché Londra non ha mai versato un centesimo ad Atene con i Fondi Salva Stati?

 

Forse perché a Londra non importa nulla dei diktat della Merkel…

Qui non c’entra la Merkel. Il vero motivo è che evidentemente erogare quei prestiti era qualcosa di svantaggioso, e l’Inghilterra ha potuto dire di no perché non era obbligata né dallo spread né dalla moneta. All’Italia hanno incominciato a mettere pressione con lo spread, e a quel punto avremmo accettato qualsiasi cosa.

 

La Lega nord come pensa di muoversi per costruire un’Europa diversa?

Noi cerchiamo di essere quanto più coordinati possibile con altri partiti europei che la pensano come noi, come con il Front National di Marine Le Pen. Se in Italia e Francia prevalesse la stessa linea politica, a quel punto la Germania dovrebbe subire le nostre decisioni. Nel momento stesso in cui Roma e Parigi dicessero che a uscire deve essere Berlino, anziché Atene, la Merkel non potrebbe più imporre niente.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
07/07/2015 - Tsipras non è il solo schizofrenico (Moeller Martin)

Se in Italia ed in Francia prevalesse la stessa linea politica la Germania dovrebbe subire le nostre decisioni? Siete ancora più schizofrenici di Tsipras & Co! L'Italia dovrebbe dire se qui non si cambia tutto noi ce ne andiamo? Quella è la porta, sarebbe la risposta. Vero invece che l'Italia non avrebbe difficoltà ad uscire dall Euro, ma decreterebbe il proprio suicidio. La lira nell'epoca della globalizzazione e senza difesa dell Eurogruppo sarebbe poco più che carta straccia, con tassi di svalutazione/inflazione e di conseguenza interessi da incubo. Con la Lira prosperiamo? Con la Lira andiamo in malora. Per ultimo la bufala imperante dei prestiti alla Grecia. Aquilini sostiene che l'Italia abbia dato 40 milliardi. FALSO. L'Italia e tutti gli altri hanno solo dato garanzie senza tirar fuori 1 centesimo. E queste garanzie maturano alle scadenze dei mancati rimborsi da parte di Atene, la maggior parte tra il 2035 ed il 2054! Mai trovato dati relativi all'Italia, ma per i tedeschi, molto più esposti di noi, il primo esborso sarebbe nel 2017 con 800 millioni ed il massimo è nel 2042 con 3,8 milliardi. Sempre messo che essendo interessato tutto l'Eurogruppo in ugual misura non si decida di assorbire il debito tramite la BCE. A differenza di noi lettori, uno che pretende di essere un esperto ecconomico dovrebbe saperlo e non raccontare balle.

 
07/07/2015 - insensato (gianni b)

ma Lei sa quanto ci costerebbe il debito se fossimo con la Lira? Sa cos'è la protezione della BCE? sa cos'è il QE? O, in parole povere, Si è mai chiesto perché ora il ns. debito valutato spazzature ci costa meno che agli americani?