BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Chi c'è nell'anticamera del potere renziano?

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Violante ha rivendicato il primato della politica rispetto allo strapotere dei giudici, che interverrebbero troppo nella vita pubblica; ma i giudici riempiono un vuoto di potere, non si ingeriscono di compiti non propri. Basterebbe che la politica riprendesse il suo percorso per riallineare anche i compiti dei giudici; non è necessaria alcuna recriminazione nei confronti delle azioni intraprese dai giudici in questo momento nella vita pubblica.

Allora il problema qual è?
E' come fare recuperare il terreno alla politica "buona" nella vita pubblica e scacciare quella "cattiva". Ci stanno provando in tanti, e non è detto che prima o poi non si riesca.

Nel frattempo, chi comanda in Italia?
Se siamo ancora una democrazia, direi i cittadini. Se non siamo più una democrazia, allora comanda chi ha il potere di fatto e lo gestisce in modo non pubblico, ma coperto; e beato chi sta nella sua "anticamera", perché solo lui può ancora ottenere qualcosa per il Paese. Ricordiamoci, però, quello che diceva Cavour: "La plus mauvaise des chambres est encore préférable à la meilleure des antichambres" (la peggiore delle camere [parlamentari] è ancora preferibile alla migliore delle anticamere, ndr).

Che cosa sta leggendo di interessante in questo periodo? 
Come lettura estiva mi sono imposto di rileggere le forme di governo e di stato descritte da Platone nella Repubblica. Un confronto attuale; credetemi, dentro si trovano anche Berlusconi e Renzi. Adesso sono all'inizio del libro nono, alla descrizione del tiranno. Molto istruttivo e anche molto indicativo per la realtà italiana; potrei intravvederne qualcuno che già circola in giro.

(Federico Ferraù)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.