BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCENARIO/ Senato e Italicum, il mix esplosivo che porta l'Italia nel caos

Infophoto Infophoto

Sì, altrimenti il giorno dopo le elezioni non si sa chi comanda in Italia. L'esatto opposto di quello che voleva Renzi.

Facciamo finta che non ci sia una minoranza Pd. Lei come modificherebbe l'attuale Senato così come è nell'attuale versione del ddl?
Dal punto di vista della composizione eliminerei i 5 senatori di nomina presidenziale e i 21 sindaci. Non hanno senso, perché i sindaci non hanno potestà legislativa. E potenzierei il numero dei senatori per ovviare ad un palese squilibrio tra le due camere nell'elezione del presidente della Repubblica. Per quanto riguarda le funzioni, restituirei al nuovo Senato la nomina dei giudici costituzionali, i poteri di controllo delle politiche pubbliche, il voto sulla legge elettorale nazionale, la valutazione delle nomine dei direttori generali e dei membri dei cda delle varie società pubbliche.

(Federico Ferraù)

© Riproduzione Riservata.