BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Da Renzi a Varoufakis, c'è una sinistra che cita il Papa ma sta con la finanza

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

 Il salvataggio a ogni costo delle banche, facendo pagare il prezzo alla popolazione, senza la ferma decisione di rivedere e riformare l'intero sistema, riafferma un assoluto dominio della finanza che non ha futuro e che potrà solo generare nuove crisi dopo un lunga, costosa e apparente cura".

Ma per quale ragione di questo passaggio dell'enciclica del Papa sembrano tutti dimentichi e smemorati, soprattutto a sinistra in Italia e in Europa? Forse, perché nei confronti della grande svolta finanziaria che ha portato alla crisi del 2007, anche la sinistra ha le "manine sporche". Forse, perché dopo il 1992 si è parlato di liberalizzazioni, di privatizzazioni anche a sproposito e si è finito con l'accettare una liberalizzazione della finanza che l'ha messa in concorrenza quasi con i casinò, non al servizio dell'economia reale.

La finanza e il suo futuro sono il vero "nocciolo della questione". E i riferimenti storici non mancano. Ci si potrebbe domandare perché Franklin Delano Roosevelt, il grande presidente americano degli anni Trenta, lasciò che fallissero 5mila banche negli Stati Uniti e incaricò il suo ministro più sociale, Harry Hopkins, di intervenire a favore di disoccupati e famiglie. Se facessimo un paragone con la politica dell'Unione Europea, si potrebbe restare esterrefatti di fronte a i quattro trilioni di euro dati alle banche dal 2008 e 2011. Quanti euro sono stati stanziati, contemporaneamente ai plotoni di poveri, disoccupati, famiglie in difficoltà?

E' su questi problemi che la sinistra schiva un vero confronto e non si sa bene per quanto tempo potrà farlo ancora. Di solito, quando si critica la politica dei governi nei confronti della grande crisi che continua a imperversare, si citano i famosi Krugman, Stiglitz, Piketty. Ma c'è qualcuno, che pure non pare di sinistra, che è andato più a fondo dei problemi creati della finanza. Shoshana Zuboff è una docente della Scuola di amministrazione aziendale dell'Università di Harvard e di fronte alla grande crisi ha parlato di attività criminogena: "La crisi economica ha dimostrato che la banalità del male occultato in un modello di attività economica ampiamente accettato può mettere a rischio il mondo intero e i suoi abitanti. Non dovrebbero quelle aziende essere ritenute responsabili nei confronti di convenuti standard internazionali in tema di diritti, obblighi e condotta? Non dovrebbero gli individui le cui azioni hanno scatenato tali devastanti conseguenze essere ritenuti responsabili al lume dei suddetti standard morali? Io credo che la risposta sia sì. Che l'evidenza montante di frodi, conflitti di interesse, indifferenza per le sofferenze, diniego di responsabilità, e assenza sistemica di giudizio morale individuale abbia prodotto un massacro economico amministrativo di tali proporzioni da costituire un crimine economico contro l'umanità".

Chissà perché la sinistra italiana parla d'altro, litiga sull'eleggibilità del Senato e altre riforme. Chissà perché la sinistra europea questi problemi li inquadra alla lontana, in modo sfuggente.

Forse dopo 80 anni di comunismo reale o immaginario, le sinistre europee e soprattutto quella italiana si sono sbagliate un'altra volta, pur convertendosi tutti al "riformismo". Intanto litigano schivando il problema, facendo solamente allusioni.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.