BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Draghi complica la vita a Renzi

Pubblicazione:

Matteo Renzi  Matteo Renzi

No, tenterà di evitarla raggiungendo un compromesso se non con tutti i suoi oppositori almeno con una parte. Ciò avverrà staccando una parte dei parlamentari Pd dalla fronda e una parte dei parlamentari di centrodestra e Forza Italia, ottenendone se non il voto almeno l’astensione.

 

Nel lungo periodo invece che cosa accadrà nel Pd?

Come diceva Kennedy, nel lungo periodo saremo tutti morti. Battute a parte, la minoranza Pd conta di fare una battaglia congressuale per riprendersi il partito. Alle condizioni attuali però non mi sembra che sia abbastanza forte da vincere.

 

Con le polemiche su berlusconismo e anti-berlusconismo, Renzi è sembrato voler mettere in difficoltà la sinistra Pd. Che cosa ha in mente?

Renzi punta a ricordare costantemente ai suoi oppositori il loro fallimento. D’altra parte Renzi non può avere lo stesso giudizio sul berlusconismo che hanno avuto D’Alema o Prodi, in quanto il premier stesso appartiene a una generazione diversa. Da molti punti di vista Renzi è una prosecuzione del berlusconismo con un altro leader, come ha scritto il politologo Mauro Calise. Anche sul taglio delle tasse della casa si presenta come la prosecuzione del berlusconismo.

 

Lei condivide il giudizio di Calise?

Sì, nel senso che Renzi è figlio di una stagione segnata dal berlusconismo, esattamente come Blair è figlio di una stagione segnata dal thatcherismo. Nelle democrazie, quando un lungo dominio politico ha cambiato il panorama, ciò segna lo scenario in modo tale che quando poi si ricomincia lo si fa a partire da quel punto.

 

A Renzi serve un Marino tenuto artificialmente in vita?

Marino è ancora al suo posto perché Renzi non è riuscito a mandarlo via. Il premier è consapevole del fatto che ogni giorno in più che Marino fa il sindaco a Roma, la situazione per il Pd si aggrava. Con questo commissariamento di fatto attraverso Gabrielli, Renzi ha delegittimato Marino e gli ha tolto la rappresentanza del suo partito.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.