BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CAOS SENATO/ 1. Tonini (Pd renziano): alla minoranza dem chiedo di ragionare sul "listino"

Per GIORGIO TONINI (Pd) "aprire a nuovi emendamenti significa ricominciare da capo, e noi non ci stiamo. Sì a un compromesso purché non si metta in discussione il principio fondamentale"

Infophoto Infophoto

“Aprire a nuovi emendamenti sull’articolo 2 della riforma costituzionale significa ricominciare da capo, e noi non ci stiamo. Siamo aperti a un compromesso purché non si metta in discussione il principio fondamentale, e cioè che i senatori sono eletti dai consigli regionali”. A precisarlo è Giorgio Tonini, vice capogruppo Pd a Palazzo Madama. Ieri sulla vicenda è intervenuto il senatore della minoranza Pd Vannino Chiti, secondo cui la soluzione per trovare un compromesso è semplice: “Con un emendamento soppressivo si cancella la frase 'I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome eleggono, con metodo proporzionale, i senatori'. Resta in Costituzione la previsione che sono i cittadini a eleggerli”.

Senatore Tonini, a che punto è la riforma della Costituzione?

La riforma ha avuto un suo percorso che è quello previsto dalla Costituzione. Siamo ancora molto lontani dalla fine perché se anche nel giro di qualche settimana il Senato approvasse la riforma, poi ci vorrebbe quasi un anno per completare il percorso tra seconda lettura di Camera e Senato e referendum popolare. Il meccanismo delle riforme è molto complesso e lungo.

In Senato esiste una trattativa e se sì, a che punto è?

Esiste un confronto continuo in Parlamento che ha come sede principale la commissione Affari costituzionali, e nel Pd inoltre ci parliamo continuamente. Al momento le posizioni rimangono distanti sul punto cruciale, e cioè sulle modalità di elezione del nuovo Senato.

Quali sono i paletti irrinunciabili del governo?

Il paletto fondamentale è che non si può ricominciare da capo una volta che la fase di approvazione è stata conclusa. Cinque commi su sei dell’articolo 2, quello che definisce la composizione e le modalità di elezione del nuovo Senato, sono stati votati nello stesso testo sia dalla Camera sia da Palazzo Madama. Sarebbero quindi inemendabili sulla base della prassi e del regolamento parlamentare.

E se Grasso si pronunciasse a favore dell’ammissibilità degli emendamenti?

Grasso ha l’ultima parola e quindi deciderà lui. La nostra posizione tuttavia è fermamente a favore del fatto che cinque commi su sei dell’articolo 2 non siano rimessi in discussione, e che possa essere emendato solo quello già modificato nel passaggio tra Senato e Camera. Quest’ultimo è quello che precisa che i senatori restano in carica per lo stesso periodo in cui ciò avviene anche per il Consiglio regionale dal quale sono stati eletti.

Che cosa ne pensa dell’ipotesi del listino?

L’ipotesi del listino serve per venire incontro a un’obiezione che è stata fatta all’elezione indiretta. Secondo questa obiezione gli elettori sarebbero esclusi dalla scelta dei nuovi senatori, anche se in realtà questi ultimi sono scelti tra i consiglieri regionali i quali a loro volta sono comunque eletti. Si può immaginare un meccanismo che preveda che i candidati a fare i senatori scelti dai partiti siano indicati prima agli elettori e quindi siano eletti con un’indicazione espressa di questi ultimi. Questo è un compromesso con chi vorrebbe immaginare un Senato a elezione diretta.

Perché voi delegate a una legge ordinaria il meccanismo dell’eleggibilità dei senatori?