BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

LA COSA BIANCA/ Mauro: "grazie" a Renzi, il centro si può rifare (senza Alfano e Verdini)

Mario Mauro (Infophoto)Mario Mauro (Infophoto)

Il loro è un atteggiamento ispirato più a una logica di sopravvivenza politica che non a un progetto politico. L’arma che ha nelle mani Ncd per fermare la discussione sulle unioni civili di per sé sarebbe molto forte. Basterebbe che Alfano dicesse che questo argomento non è nel programma di un governo di grande coalizione, e che se non ci si ferma farà cadere l’esecutivo. Il fatto che Alfano, Formigoni e Lupi non mettano in discussione l’esistenza del governo la dice lunga su quelle che sono le loro posizioni.

 

Mauro, il suo futuro sarà con Lega nord e Forza Italia?

No. Perché ci sia una sintesi politica interessante per i moderati, che sia compatibile con le dinamiche della politica internazionale, bisogna sostenere con un progetto politico il rafforzamento o la genesi di centro e centrodestra. E’ ciò che oggi per molte ragioni manca, soprattutto per la crisi irrisolta all’interno di Forza Italia. Salvini oggi si è spostato su posizioni lepeniste estranee alla tradizione della Lega. Valuto quindi in modo positivo tutto ciò che può alimentare il rafforzamento di centro e centrodestra.

 

Da quando varerete questo nuovo centro dei moderati?

Ci vorrà un po’ di tempo. Non dobbiamo dimenticare che sono stati fatti tanti errori nel recente passato. L’aspetto più ambizioso di un progetto comune è stato il Popolo della Libertà. Mi era parso di poter trasferire molte di quelle posizioni nel progetto di Scelta civica, ma anche quel progetto si è perso per strada. Tanto io quanto Quagliariello oggi ci troviamo su una “scialuppa” nella quale abbiamo preservato i nostri valori e le nostre reti sul territorio. Quello che conta però oggi è la capacità di progettare qualcosa di grande.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
12/01/2016 - commento (francesco taddei)

rifare il centro per cosa? per non fare la parità scolastica? per non fare il quoziente familiare? per non liberalizzare gli ordini professionali? per non abbassare le tasse alle partite iva? per non disubbidire all'europa?

 
12/01/2016 - Mauro, è ora di lavorare! (Giuseppe Crippa)

Che l’Italia di questi tempi non abbia bisogno dell’ennesima crisi di governo e tanto meno di elezioni anticipate mi sembra evidente e quindi non chiederei ad Alfano e a Lupi di cessare di sostenerlo. Ai senatori Formigoni e Mauro, che tra due settimane saranno impegnati nella discussione del disegno di legge volto in teoria a creare le cosiddette unioni civili ma in pratica a legalizzare il matrimonio omossessuale e di fatto pratica dell’utero in affitto chiedo di mostrarci nei fatti quanto e come lavorano in Parlamento: attendo di vedere quanti e quali emendamenti presenteranno e di sentire come li difenderanno in aula e di fronte all’opinione pubblica.