BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIONI CIVILI/ Caldarola: Renzi lasci perdere gli appelli gay e stia con Galantino

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

"Sulle unioni civili Renzi farebbe bene a mollare la stepchild adoption e a seguire Galantino. L'affido rafforzato chiesto dai cattolici dem? Un compromesso ragionevole". Lo dice Peppino Caldarola, già direttore dell'Unità e deputato Ds.
Sul ddl Cirinnà il Partito democratico è diviso. Ieri alcuni senatori cattolici del partito hanno presentato un emendamento per sostituire l'adozione (stepchild adoption) con l'affido rafforzato, mentre altri 37 deputati dem hanno firmato un documento che ne chiede lo stralcio. "Senza una mediazione il rischio è, con il voto segreto, il naufragio della legge al Senato", ha dichiarato Alfredo Bazoli. La linea di Renzi è quella di portare in aula il ddl nella sua attuale formulazione, comprensiva dell'articolo sulle adozioni, cercando di chiarire i passaggi più controversi con l'inserimento di alcune modifiche per lasciare poi ai parlamentari del Pd libertà di coscienza. Sulla carta sembra facile, ma nella realtà tutto si complica. 

Caldarola, si fa presto a dire unioni civili. Per proporre una mediazione serve un'idea di partito. Qual è quella di Renzi sul piano dei diritti?
Quella di un partito a due facce, che sia molto radical sui diritti civili per poter essere più moderato sui diritti sociali. Sarebbe stato più giusto e naturale che su una materia così complicata il presidente del Consiglio avesse concesso assoluta libertà di voto, lasciando ai deputati di esprimersi uti singoli. Concedere la libertà di coscienza vincolandola all'accettazione dei passaggi più discussi e laceranti per una parte del Pd è un irrigidimento, non una concessione di libertà.

Sulla difesa della stepchild adoption Renzi ritrova Bersani, che ieri su Repubblica ha esortato a "rispettare le sensibilità di tutti, di una parte del mondo femminile che teme l'utero in affitto, e dei cattolici".
E' una linea zapateriana, che trova cioè nei diritti civili e nella loro interpretazione più ampia possibile la strada di una unità interna altrimenti difficile, se non impossibile. Ma ragionando così viene meno la sensibilità verso un'area che appartiene a pieno titolo al Pd. 

Lei cosa pensa delle preoccupazioni espresse dai cattolici dem?
Può capitare che uno dei due conviventi abbia avuto un figlio con l'utero in affitto in paesi dove la legislazione non è proibizionista e allora il compromesso che si affaccia, di richiamare molto nettamente nel ddl la contrarietà all'utero in affitto, mi sembra giusto. E guardi che non siamo alla dialettica obsoleta di cattolici e non cattolici, perché il tema dell'utero in affitto divide in modo verticale anche il mondo femminile e femminista.

E Renzi?
Renzi ha capito che questa operazione non può essere gestita con il carro armato, primo perché è in gioco un'alleanza di governo, secondo perché le maggioranze variabili, a giudicare dalle relazioni tra Pd e M5s, sono solo rapporti occasionali. Perché sacrificare un alleato per ottenere il consenso passeggero di chi resta un avversario. 

Mons. Galantino, che non è il Pd, ha detto no alla stepchild adption, ma ha riconosciuto che una normativa ci deve essere. 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
15/01/2016 - invece Renzi fa così proprio grazie a Galantino (Giovanni Maffini)

L'invito a stare con Galantino in che misura dovrebbe confortare i cattolici e tutte le persone che hanno ancora un briciolo di ragione? Renzi per retrocedere ha solo bisogno di una dimostrazione di popolo...il 30 gennaio la troverà e sarà certamente più persuasivo per lui di tante mezze verità e ammiccamenti di quella parte di Chiesa che cala le braghe di fronte a un potere che legifera di tutta fretta su questioni che non sono né urgenti né funzionali al bene comune. Come si può cadere nel tranello che le unioni civili sono un giusto diritto? Una volta legittimate e di fatto equiparate le coppie omosessuali al matrimonio non si torna più indietro...diritto esige diritto: ora che lo Stato mi riconosce bnon può rifiutarsi di concedere lo status di genitorialità a chi lo desidera. Quali obiezioni sarà in grado di inventarsi Galantino e tutta la sua squadra di cattolici aperti al dialogo/compromesso? Ma la vera assurdità è che non riusciamo a capire la menzogna antropologica dietro il disegno delle unioni civili a cui tutti, compresi gli omosessuali non ideologici, dovrebbero ribellarsi: il desiderio non è fonte di diritto, ma solo ciò che dà dignità all'uomo e rappresenta un bene per tutti.

 
15/01/2016 - Unioni omo per vil denaro? (Carlo Cerofolini)

Per quanto attiene le unioni fra omosessuali nessuna contrarietà basta che la nuova legge - oltre a non prevedere come in Germania le adozioni - non comporti alcun aggravio per le casse pubbliche (pensione di reversibilità, ecc.), né porti svantaggi (graduatorie case popolari, ecc.) alle famiglie così come individuate dall'articolo 29 della Costituzione. In caso contrario si potrebbe pensare male e cioè che tutto questo polverone sulle unioni omo sia quasi unicamente legato al vil denaro e agevolazioni varie. O no?

 
15/01/2016 - Renzi fa votare il ddl ma poi voteremo anche noi (Giuseppe Crippa)

Per quanto mi riguarda la legge sulle unioni civili è più importante della riforma costituzionale cui Renzi ha legato il suo futuro politico. Il prossimo autunno non mi sarà difficile ricordare come si saranno comportati il governo e il PD (entrambi guidati da Renzi) durante la discussione al senato del ddl Cirinnà e se questa legge sarà passata contribuirò col mio voto ad affossare la carriera politica di Renzi.

 
15/01/2016 - Ma Renzi, cosa vuole veramente? (Luigi PATRINI)

Renzi non retrocederà. A lui non credo interessi "governare": lui vuole essere il padrone, vuole solo il "potere" e del consenso e dell'intesa non gli importa un gran che. Purtroppo ha intorno troppa gente che la pensa come lui!

 
15/01/2016 - Venite a Roma il 30 gennaio! (giacomo rocchi)

... naturalmente l'invito a fare una passeggiata a Roma il 30 gennaio vale per tutti i lettori del Sussidiario: un'occasione unica per manifestare la verità delle cose in piena libertà, senza retropensieri e tatticismi; o - se siete interessati alla politichetta - anche con il gusto di far sentire ai Lupi il boato degli agnelli! Vi eravate distratti il 20 giugno? Avevate programmato una gita al mare? Niente paura! Il 30 gennaio il mare è sconsigliato per il freddo: invece a Roma ci sarà il calore di un popolo! Giacomo Rocchi

 
15/01/2016 - Renzi lasci perdere i gay e venga a San Giovanni! (giacomo rocchi)

Una delle accuse - più o meno esplicite - che vengono mosse a Renzi è la mancata legittimazione popolare. Questo vizio emerge dalla volontà del nostro Presidente del Consiglio di ignorare il popolo del 20 giugno. Caldarola si muove sullo stesso piano: contano più 30 senatori (quasi) nominati che propongono un compromesso che tale non è oppure un milione (due milioni, tre milioni) di persone e potenziali elettori che dicono un deciso no alle unioni civili, che vogliono difendere i propri figli e ribadire la centralità della famiglia? Capisco che mons. Galantino si disinteressi di questo popolo: anche lui è stato nominato e non eletto; forse, poi, ha in mente il terzo polo della faccenda, l'8 per mille ... Renzi farebbe bene, invece, a fare un po' di conti; senza parere, provi a fare una passeggiata a Roma il 30 gennaio: sentirà che aria ...