BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIONI CIVILI/ La trappola di M5s contro Renzi può far saltare il ddl Cirinnà

Pubblicazione:

Laura Boldrini, Pietro Grasso e Matteo Renzi (Infophoto)  Laura Boldrini, Pietro Grasso e Matteo Renzi (Infophoto)

E all'improvviso Matteo Renzi ebbe paura di andare a sbattere. La questione delle unioni civili l'aveva sottovalutata. Era certo di riuscire a dominare il circo Pd, ma all'improvviso i conti non tornano più. Così è stata decisa la frenata, il testo Cirinnà arriva nell'aula del Senato, ma i primi voti (compreso quello sulle pregiudiziali di costituzionalità) ci saranno da martedì. Cinque giorni in più per trattare, per trovare una quadratura del cerchio che al momento non è alle viste.  

L'epicentro del terremoto è dentro il Pd. I cattodem non demordono, quindi meglio guadagnare tempo e scavallare il Family day di sabato. La sponda, inattesa, la offre la Lega, che chiede un rinvio del voto per consentire la partecipazione dei parlamentari a una convention con Marine Le Pen a Milano. Si tratta di più di un pretesto, dal momento che con il Carroccio è scattato quello che il capogruppo salviniano Centinaio definisce un "patto tra gentiluomini": niente ostruzionismo (con il ritiro del 90% dei 5mila emendamenti leghisti), in cambio di niente ghigliottina sui tempi del dibattito, compreso il ritiro dell'emendamento-canguro preparato dal senatore renziano Marcucci. Neppure il voto finale ha più una data precisa dopo la conferenza dei capigruppo di mercoledì.

Il fatto è che da alcuni giorni si è accesa la spia dell'allarme rosso nella war room di Palazzo Chigi. I numeri ballano, anzi non ci sono proprio. Ancor di più, sono appesi ai capricci e alle giravolte dei senatori a 5 Stelle. Senza di loro i punti più controversi della legge rischiano di non passare, ma fidando su di loro si rischia di incappare in una clamorosa imboscata al riparo dei voti segreti che su una materia tanto delicata saranno numerosi. Il sospetto dei renziani è che i grillini non aspettino altro che un pretesto (una modifica marginale) per sfilarsi, così da far ricadere interamente sui democratici un eventuale fallimento in materia di diritti civili.

Le contromisure prese dal premier segretario hanno cominciato a dispiegarsi con l'assemblea dei senatori del Pd in cui si è stabilito che, qualunque cosa accada, non mancherà il sì sul voto finale alla legge. Un passo per legare alla disciplina di partito tanto i falchi pro Cirinnà quanto le colombe contrarie alla stepchild adoption. Una legge ci sarà, pare assicurare Renzi. Una legge quale che sia. 

In mezzo ci sono, appunto, tanti voti segreti su cui può accadere davvero di tutto. Molto dipenderà dall'adunata del Circo Massimo di sabato prossimo: se la riuscita sarà piena, Renzi non potrà non tenerne conto. E dovrà concedere nei fatti quello che ancora nega a parole, cioè consistenti ritocchi al testo Cirinnà non solo sulle adozioni del figlio del partner, ma anche sulla definizione stessa di unione civile, per non schiacciarla troppo sull'istituto del matrimonio.  



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
28/01/2016 - ddl Cirinnà (claudia mazzola)

Si metteranno daccordo i politici sulle modifiche da fare e non sarà certo per merito nostro. Che ci facciano credere che i nostri movimenti servono a qualcosa in politica ci distoglie dalla Verità.

 
28/01/2016 - opinione (dsfgergergf edfsdf)

Non credo passerà facile