BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM/ Renzi rischia grosso anche se vincono i Sì

Pubblicazione:giovedì 13 ottobre 2016

LaPresse LaPresse

“Non basta spersonalizzare il referendum per esorcizzare il problema politico che si creerebbe sia in caso di vittoria del No sia in caso di vittoria del Sì. Il voto avrà conseguenze politiche indiscutibili e rilevanti, ed è puerile sperare di evitarle con un esercizio di bon ton istituzionale”. E’ quanto osserva Antonio Polito, vicedirettore ed editorialista del Corriere della Sera. Intanto, sarà Gianni Cuperlo l'esponenete della minoranzadem a far parte della commissione del Pd che dovrà esplorare la possibilità di cambiare l'Italicum in Parlamento; mentre ieri Massimo D'Alema ha parlato di "clima intimidatorio" da parte deifautori del Sì.

 

Polito, in questo momento sono avanti i Sì o i No?

Secondo molti sondaggi sono avanti i No, ma il numero di indecisi è tale da poter cambiare il risultato. Maggiore è il numero di indecisi che va a votare e più dovrebbe risalire la quota dei Sì, in quanto gli elettori più motivati per il No sono già decisi ad andare a votare. Fatto sta che sono molte settimane che il No sembra in testa, e che il recupero del Sì è lento e quasi inesistente.

 

Renzi è riuscito davvero a spersonalizzare l’esito di questo referendum?

E’ certamente importante che nello stile di comunicazione del presidente del Consiglio non ci sia del catastrofismo, evitando affermazioni del tipo che se vincono i No l’Italia piomba nel caos o cade il governo. E’ bene che Renzi abbia sgombrato il campo da tutto questo, perché sarebbe bastato a provocare instabilità. Da molti punti di vista infatti la situazione politica oggi è molto più instabile di qualche mese fa.

 

Quindi almeno questo rischio è scongiurato?

In realtà non basta spersonalizzare per esorcizzare il problema politico che si creerebbe sia in caso di vittoria del No, sia in caso di vittoria del Sì. Questo referendum avrà conseguenze politiche indiscutibili e rilevanti, ed è puerile sperare di evitarle con un esercizio di bon ton istituzionale.

 

Qualcuno sta pensando a una exit strategy?

No, nessuno si sta seriamente ponendo il problema. Ciò fa il paio con i toni da resa dei conti finale che ha preso questo referendum. Per fare programmi di lungo periodo, chiunque prima vuole sapere come andrà a finire il referendum, anche lo stesso presidente del Consiglio. A lungo si era detto che una buona affermazione dei Sì sarebbe stata un buon viatico per Renzi per indire elezioni anticipate. Invece ora la stagnazione dell’economia e la conseguente caduta di popolarità del premier gli sconsigliano di andare al voto anticipato anche in caso di vittoria.

 

A proposito di economia, Renzi di recente ha detto: “Non mi occupo di chi dà i numeri sul Pil”. Come giudica questa strategia di comunicazione?

La verità è che fare previsioni sul Pil è obbligatorio e le fanno in tutto il modo. Nella Nota al Def, il governo ha appena fatto una previsione sulla crescita. Renzi quindi forse vuole dire che crede di più ai suoi numeri che non a quelli degli altri. Fatto sta che da quei numeri dipendono le dimensioni del nostro deficit e gli impegni che prendiamo con l’Europa. Nel caso in cui non fossero confermati, dipenderanno da essi anche le manovre che vanno attuate per recuperare i soldi che non sono entrati nelle casse statali.

 

Perché Renzi vive in una campagna elettorale permanente e sembra ignorare l’economia?


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
14/10/2016 - Rischio (luisella martin)

Noi cittadini rischiamo tutto se vincono i SI.