BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM 4 DICEMBRE 2016/ Il volantino di CL: recuperare il senso del vivere insieme

Pubblicazione:lunedì 17 ottobre 2016

La Camera del Senato La Camera del Senato

Oltre la logica del disimpegno e quella dello schieramento, il nostro contributo è mostrare la bellezza di aprirsi all'altro. Il documento di CL in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

In un clima generale travagliato, con rilevanti mutamenti politici in corso, con una ripresa economica debole, che lascia tante persone in condizioni di incertezza e sofferenza, in una situazione internazionale sempre più complicata e drammatica, il 4 dicembre saremo chiamati a pronunciarci con un referendum sulla riforma della Costituzione approvata dal Parlamento. In particolare, tutti i cittadini dovranno esprimersi sul superamento del bicameralismo perfetto e sulla riformulazione delle competenze Stato-Regioni.

 

1. Oltre la logica del disimpegno e quella dello schieramento
Il dibattito sulla riforma è da mesi appesantito da forzature e strumentalizzazioni, che hanno condotto le formazioni politiche a una forte polarizzazione e a trasformare il referendum in un test sull’attuale governo e sul premier in particolare. A questo si aggiunga la sempre crescente disaffezione, carica di sfiducia e risentimento, alla partecipazione politica, che verosimilmente, anche in questo importante appuntamento con le urne, consoliderà la tendenza all’astensionismo.

In queste condizioni, sembrano possibili solo due posizioni antitetiche: da un lato, una sterile indifferenza e un cinico disimpegno; dall’altro, la logica dello schieramento a priori che impedisce un reale confronto con l’altro e le sue ragioni. Entrambe le posizioni ci appaiono umanamente e politicamente aride e improduttive, se non addirittura dannose, anche per chi le sostiene.

Ancora prima dei giudizi di merito sulle soluzioni adottate dalla riforma soggetta a referendum (che meritano attenti approfondimenti), nessuno può ignorare la vera urgenza del momento: la necessità, che si è fatta strada negli ultimi anni, di una maggiore stabilità ed efficienza del sistema politico a favore di migliori condizioni di vita per ogni cittadino e per il Paese, in vista dell’obiettivo fondamentale di sempre, vale a dire la promozione del bene comune. Come osservava don Giussani, «il contratto che regola la vita comune (la “Costituzione”) deve cercare di dare norme sempre più perfette che assicurino ed educhino gli uomini alla convivenza come comunione».

 

2. La necessità del cambiamento

L’esigenza di cambiamento, riconosciuto come necessario e urgente, attraversa schieramenti e posizioni opposte, a prescindere dalle valutazioni che ciascuno può dare sull’adeguatezza di questa riforma. Un semplice realismo evidenzia che il Paese ha bisogno di essere riformato per poter stare al passo con un mondo globale, una società che cambia e si rinnova sempre più rapidamente.

Il Presidente Mattarella, durante le celebrazioni per il 70° della Repubblica Italiana, ha identificato il bisogno più grande che ha l’Italia oggi: «Recuperare interamente il senso del vivere insieme», perché «le grandi sfide di oggi si possono affrontare e governare soltanto ricercando e trovando politiche comuni e impegni condivisi». Richiamo quanto mai urgente in un contesto politico caratterizzato da molto tempo dalla delegittimazione dell’altro, dal definire se stessi innanzitutto “contro” qualcuno o qualcosa. Occorre imparare dalle espressioni migliori della nostra storia: coloro che hanno scritto la Costituzione del 1948 sono stati animati dalla tensione a immaginare soluzioni realistiche e ragionevoli in vista di un cammino comune. Realtà molto diverse tra loro furono capaci di un dialogo pieno di rispetto reciproco, che ha consentito di riconoscere come fondamento condiviso il valore della persona e la sua libertà espressiva e associativa.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
30/10/2016 - Non è bene... (Giuseppe Crippa)

Se di fronte al prossimo voto sulle modifiche alla Costituzione “una sterile indifferenza ed un cinico disimpegno è umanamente e politicamente arido e improduttivo, se non addirittura dannoso,” non è bene astenersi dal votare. E se “le riforme costituzionali si fanno solo se condivise tra chi la pensa diversamente, esattamente come nel 1948 quando si fece la Costituzione”, non è bene votare “sì”.