BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

STATO-MAFIA/ Tutto quello che può cambiare se Mattarella decide di parlare

Sergio Mattarella (LaPresse)Sergio Mattarella (LaPresse)

E il reato di falsa testimonianza contestato a Conso e a Mancino è così risibile rispetto a quello di avere tenuto bordone nella trattativa Stato-mafia, dal momento che entrambi i due  ministri dell'Interno furono sponsorizzati da Scalfaro? 

Che cosa meno indecente e anzi più ragionevole (non solo per l'accusa, di Ingroia prima e Di Matteo oggi) che il Quirinale abbia voluto "assecondare l'ipotesi, già accettata da Scalfaro, di un alleggerimento del regime carcerario previsto dal 41 bis e mantenere così l'impegno preso con i boss"? (Giuseppe Sottile, "Dopo Scalfaro, Napolitano, Ciampi, la Trattativa chiama Mattarella, Il Foglio, 16 ottobre 2016. Sottile non si esita, come si vede, a presentare Scalfaro come un segmento, non da poco, della trama ordita — con attori come Conso, Mancino ecc. — per convincere Riina, Provenzano e compari a sospendere la mattanza e assicurarsi un meno energico trattamento in carcere).

Dai tribunali di Palermo e Caltanissetta ci si aspetta che questa malastampa, queste nebbie (o pretesti che dir si voglia) vengano finalmente diradati.

© Riproduzione Riservata.