BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM/ Gen. Mini: la riforma? E' la corsa al potere di una maggioranza di palazzo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Maria Elena Boschi (LaPresse)  Maria Elena Boschi (LaPresse)

Bisogna perciò ricordare loro che quel sistema immaginato nel 1948 è stato realizzato e ha preso le decisioni più difficili della nostra storia.  Con successi e insuccessi abbiamo recuperato credibilità internazionale, risollevato l'economia, affrontato emergenze naturali senza scandali, combattuto il terrorismo e la mafia, ristrutturato le forze armate e le abbiamo spedite in ogni angolo della Terra a rappresentare l'Italia, e abbiamo raggiunto il quarto posto fra sette delle maggiori economie (G7). Poi, con una breve stagione di "decisionisti" e  fantasiosi innovatori abbiamo decuplicato il debito nazionale, aumentato la disoccupazione e il precariato e diminuito la nostra competitività. Infine, grazie alle virtù taumaturgiche del mercato e dei tecnocrati abbiamo centuplicato il debito e siamo stati malamente coinvolti in una crisi che non ci avrebbe riguardato così da vicino se non avessimo avuto immaginifici finanzieri di stato e speculatori privati rivolti esclusivamente allo sfruttamento delle bolle finanziarie. 

 

Insomma, i veri realisti erano quelli di ieri, non di oggi.

Oggi andiamo a votare per una legge veramente immaginaria e siamo più deboli in Europa, sminuiti nella capacità di sicurezza,  succubi delle decisioni altrui, allontanati dai tavoli di discussione globali ed europei, ultimi nella graduatoria del G7, incapaci di provvedere al rilancio dell'economia e costretti ad elemosinare non denaro (che nessuno regala), ma la possibilità di fare altri debiti. Non si può addossare la responsabilità di tutto questo solo al sistema bicamerale o ai governi del passato. 

 

Negli ultimi dieci anni sono state approvate più leggi richieste dal governo che quelle promosse dal Parlamento. 

Non solo. In alcuni periodi delle legislature passate e di quella presente si è legiferato con le procedure di urgenza su cose che non erano affatto urgenti, si sono blindate leggi e leggine d'iniziativa governativa (109 in questa legislatura) facendo ricorso eccessivo ai colpi di maggioranza, alle deleghe al governo (13 a quello attuale su temi fondamentali come lavoro, scuola, comunicazione pubblica eccetera) e al voto di fiducia al governo (ben 56 volte negli ultimi due anni e mezzo). Il 4 dicembre non andiamo a votar e per migliorare, ma per istituzionalizzare un Parlamento defraudato del potere legislativo e assoggettato al potere esecutivo molto di più di quanto non lo sia già ora.

 

Secondo lei la "governabilità" non è una cosa positiva, un valore istituzionale e politico?

Questo termine è ormai un dogma. Ma non è un'invenzione di oggi. Il tema della governabilità è stato sollevato per primo da Bettino Craxi (fine anni 70) quando con i voti di un partito largamente minoritario voleva guidare per sempre l'intero paese. Non a caso parlava di governi di legislatura (che stessero al governo "certamente" almeno per turni di 5 anni) o di governo presidenziale. Ma i governi erano comunque coalizioni di grandi partiti che godevano anche dell'appoggio esterno di alcune opposizioni. La democrazia non era in pericolo, semmai era evidente l'insofferenza di un leader carismatico nei confronti dei grandi partiti. Lo stesso tema fu affrontato da Spadolini nel 1982 in maniera geniale anche se inattuabile. Anche lui leader carismatico, esponente di un partito abbondantemente minoritario, ma giuridicamente molto più preparato di Craxi, individuò il collante fra le coalizioni non nell'egemonia del partito più numeroso, ma in una presunta forza  istituzionale del presidente del Consiglio. 

 

Di fatto, sostituiva la forza dei partiti con la forza del ruolo di capo del Governo. 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
27/10/2016 - Leggere e rileggere il Signor Cilea (ALBERTO DELLISANTI)

Leggere e rileggere il Generale Fabio Mini. E pure Achille Cilea!

 
27/10/2016 - RESISTERA’ LA COSTITUZIONE PIU’ BELLA DEL MONDO? (Achille Cilea)

Egregio sig Moscatelli, dovrebbe confrontare il testo dell’art 31 della legge sottoposta a referendum con il testo del n. 187 del compendio della dottrina sociale cristiana (Il principio di sussidiarietà protegge le persone dagli abusi delle istanze sociali superiori e sollecita queste ultime ad aiutare i singoli individui e i corpi intermedi a sviluppare i loro compiti) e con quanto ha detto don Giussani ad Assago nel 1987 (La politica, in quanto forma più compiuta di cultura, non può che trattenere come preoccupazione fondamentale l'uomo (Giovanni Paolo II ,discorso all'Unesco, 2 giugno 1980) … determinato dal senso religioso. …. la radice da cui scaturiscono i valori …. Nel gioco di questa responsabilità di fronte ai valori, l'uomo ha a che fare con il potere …che … deve cercare di governare i desideri dell'uomo. ... Così potremmo sintetizzare l'essenza di ciò che ci minaccia: gli stati si programmano i cittadini, le industrie, i consumatori, le case editrici, i lettori, ecc. Tutta la società un po' alla volta diviene qualcosa che lo Stato si produce). Avrebbe più chiaro che le ragioni del NO al prossimo referendum, suggerite dal gen Mini, … sono grandi come una casa. Achille Cilea

 
26/10/2016 - La corsa al potere di una maggioranza di palazzo (ALBERTO DELLISANTI)

1) Il Gen. Mini dice NO a coloro che operano per dividere l'Italia e che intendono affondare la nave per assumere il comando di una scialuppa. 2) Sono le motivazioni che siano comuni (e ve ne sono!) "a fare del NO un fronte trasversale espressione di molte anime, non di un pensiero unico". Democratic expression! 3) "Denigrando", "con sarcasmo fuori posto", la Boschi disse a "L'Unità" che i Costituenti pensavano ("a quei tempi") che si dovesse "decidere raramente". Quindi non pensarono al mantra di Maria Elena d'Arezzo sulle "capacità decisionali e i procedimenti legislativi rapidi". (Uhm, ma quanto rapidi?). (Rapidi...sì da abolire i corpi intermedi!...). 4) Il Renzianum "stravolge l'impianto istituzionale dello Stato, aumentando l'arbitrio individuale, o di gruppo, e del potere in generale". 5) NO al Senato, anche, "che non è più una istituzione, ma una costosa conferenza saltuaria di Amministratori Locali, la cui legittimazione nell'incarico (complementare) dipende dall'arbitrio di chi li ha designati". 6) NO a Riforma "che spacca il Paese" foriera di un senso di "rigetto delle opposizioni, di esclusione di minoranze, di ghettizzazione delle intelligenze non allineate". 7) NO vuol dire che il 5/12 qualunque Governo dovrà occuparsi finalmente d'altro: "ripresa economica, compattazione sociale, disaffezione politica". 8) NO, per avere una riforma seria e corretta domani (e non dopo domani). 9) Con il SI', invece, parte la vera corsa al potere di una maggioranza

 
26/10/2016 - Il Generale Mini è una grande persona (ALBERTO DELLISANTI)

C' è poco da ironizzare sul "Sussidario", definito qui sotto come organo della campagna del NO. Chi lo dice, lo tralasci 'sto giornale! I contributi del Sussidiario non sono a senso unico, e ben lo sa chi lo legga davvero. Altro conto è registrare che i fautori del NO hanno molto filo da tessere e tessono i loro articoli. Che parolona "la opposizione evanescente"! Ma forse per il sig. Taddei sono "litigiose e spartitorie le coalizioni", in quel di Germania, in quel di Gran Bretagna, ecc ecc ? E in Italia? Ma ne fecero la fortuna in decenni addietro! L'intervista al Generale Mini è lunga, densa, e a fare un commento ci si arriva dopo avere letto due volte. La seconda la faccio dopo cena. Ma intanto esprimo solidarietà ad Achille Cilea per "i giudizi sparati" attribuitigli a vanvera. Il sig Moscatelli la rileggerà, rendendosi conto di come lei l'abbia letto il "Renzianum", e per questo abbia potuto così ben argomentare il suo commento.

 
26/10/2016 - Referendum (Giovanni Moscatelli)

Penso che non mi pubblicherete nemmeno questo commento perché non mi schiero per il NO come questo giornale. Comunque, signor Cilea, prima di sparare i suoi giudizi sulla riforma si legga il testo e vedrà che le cose non corrispondono a quanto lei paventa. Non ci toglie la libertà, andiamo! E poi lasci stare in questo caso don Giussani. Non costringiamolo a dire tutto quello che vogliamo noi!

 
26/10/2016 - Si, ma anche (Tiziano Villa)

Grazie al generale Mini per l'analisi lucidssima. Una rassicurazione ad Achille Cilea: l'articolo in cui Vittadini veltroneggia l'ha scritto Crozza fingendosi Vittadini che imita Veltroni. Quanto ai cantori del partito di maggioranza relativa, aspettiamo anche che ci indichino tale soglia: 20% o anche meno? (e mi raccomando che non spartiscano niente, forti di maggioranze così qualificate).

 
26/10/2016 - occorrono ragioni adeguate per scegliere (Achille Cilea)

STRAORDINARIO! (e bravo l’anonimo intervistatore che ha fatto venire fuori tutte le ragioni del NO!). Dopo la delusione dovuta all’incontro dell’altro ieri al CENTRO CULTURALE DI MILANO con Violante-Polito-Vittadini (caratterizzato dall’assenza di orientamenti per una scelta ponderata), è emersa chiara la difficoltà di Vittadini, presidente della Fondazione x la Sussidiarietà, a dichiararsi con chiarezza per una scelta (SI o NO) davanti ad un provvedimento che cancella la sussidiarietà dalla Costituzione e ci fa tornare al centralismo dello stato sabaudo. Per districarsi in una situazione resa poco chiara dalla imperante "informazione di Stato", bastava ricordare il discorso di don Giussani ad Assago (1987) e riprendere un passaggio del documento che era la base della discussione "Per recuperare il senso del vivere insieme" dove si afferma come sia necessario "riconoscere come fondamento condiviso il valore della persona e la sua libertà espressiva e associativa". Sarebbe stato chiaro che la riforma proposta va nella direzione opposta (voluta dalle grandi lobby del pensiero unico) cioè quella di rendere più decisiva una oligarchia governativa non eletta, rispetto alla sovranità popolare: questo il motivo che rende necessario liberarsi dei corpi intermedi e puntare tutto sul rapporto diretto cittadino-stato (facendo così rientrare dalla finestra il "centralismo democratico" buttato via dalla porta nel 1989 con la fine dell'URSS). Achille Cilea

 
26/10/2016 - Commento (francesco taddei)

Caro generale, in ogni paese comanda il partito di maggioranza relativa, senza coalizioni litigiose e spartitorie. Se alla maggioranza corrisponde una opposizione evanescente non dipende dal sistema elettorale.