BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGI REFERENDUM/ Piepoli: il No è in testa (52%), ma vincerà il Sì, ecco perché

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

LaPresse  LaPresse

SONDAGGI REFERENDUM. “Matteo Renzi è a favore di se stesso, vuole vincere e basta, mentre non c’è nessuna delle sue controparti nel fronte del No che voglia qualcosa di positivo: tutto ciò che vogliono è la sua fine. O almeno, così risulta. Per questo chi vincerà al referendum, se la gente legge il quesito, saranno i Sì”. E’ il pronostico di Nicola Piepoli, presidente e fondatore dell’Istituto Piepoli, secondo cui in questo momento i No sono ancora in vantaggio ma i Sì sono in risalita. E la legge di bilancio, con l’abolizione di Equitalia, ha portato altri consensi a Renzi.

 

A quanto sono i Sì e i No al referendum?

In questo momento i No sono al 51,5-52% e i Sì al 48-48,5%. Vincono i No, ma i Sì stanno risalendo sia pure in modo marginale.

 

Qual è invece l’andamento del consenso personale del premier?

Il consenso di Renzi è risalito del 2% in queste ultime due settimane. In questo momento Renzi ha superato Luigi Di Maio, che invece negli ultimi tre mesi era stato davanti a lui. Di Maio ha perso l’1%, Renzi ha guadagnato il 3%, e quindi ora Renzi è al 35% mentre Di Maio è al 34%. Il presidente del Consiglio si era lievemente oscurato, e adesso è ritornato a brillare di luce propria. L’ultima legge di bilancio ha reso molto in termini di consenso sia a Renzi sia a Sergio Mattarella sia al governo in generale.

 

Che cosa c’è di così decisivo nella legge di bilancio?

Per esempio l’abolizione di Equitalia, che secondo l’opinione pubblica è un distruttore di ricchezza. Se il governo abolisse un’Equitalia al giorno leverebbe il medico di torno.

 

Che cos’altro porta in risalita sia i consensi di Renzi sia i Sì al referendum?

Renzi è l’unico a mostrare una certa vitalità. A parte il presidente del Consiglio e Mattarella, i consensi di tutti gli altri politici diminuiscono. L’unico a non crescere né scendere è Silvio Berlusconi, che però ha una fiducia al 15%.

 

Quindi i consensi di Renzi crescono perché non ci sono alternative?

Esattamente, nella mente degli italiani è meglio Renzi piuttosto che niente.

 

Gli indecisi alla fine come voteranno al referendum?

Marginalmente voteranno Sì. Cioè sul totale degli indecisi il 53% voterà Sì e il 47% No. Questo perché il quesito elettorale è fatto in modo tale che dà forza al Sì. Se la gente legge il quesito referendario alla fine una lieve maggioranza, che è quella che basta per vincere, voterà a favore.

 

Quali altri fattori influenzeranno l’opinione pubblica di qui al 4 dicembre?



  PAG. SUCC. >