BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHI E' TRUMP?/ Quel populismo figlio di Obama e della Merkel

Pubblicazione:

Angela Merkel (LaPresse)  Angela Merkel (LaPresse)

Ma quello che è più incredibile, e che si è verificato sia in Europa che negli Usa, è l'atteggiamento della sinistra, sia essa di matrice postcomunista, laburista, socialdemocratica tedesca oppure di tradizione liberal americana. Questa sinistra, pur avendo posti di rilievo in vari governi occidentali, si è dimostrata confusa e incerta, fino ad accettare la strada indicata dalla grande finanza. Il ruolo delle banche è stato ridisegnato con l'assenso di Bill Clinton e Tony Blair, mentre per fare un esempio italiano o tedesco, nessuno di questa sinistra si è opposto allo strapotere delle banche ritornate "universali" e promosse a "conglomerate" che gestiscono e vendono di tutto. Nessuno, a sinistra, si è opposto allo scardinamento dell'economia mista, con il necessario intervento dello Stato quando è necessario. E si è continuato a parlare di corruzione ed evasione fiscale da condannare. Di fatto colpendo non i grandi corruttori o evasori, ma i lavoratori dipendenti, i pensionati, i giovani in cerca di lavoro.

L'impoverimento della classe media, la marginalizzazione della classe operaia, persino la de-sindacalizzazione in molte società europee, ha scatenato alla fine un risentimento sociale che ha provocato effetti strabici. I voti della sinistra americana sono concentrati a Manhattan, nel cuore di New York, e nella ricca California, mentre la destra di Trump prende consensi negli stati tradizionalmente industriali, tra i blue collars, un tempo democratici, come nel Michigan o in Pennsylvania.

E' una situazione che corrisponde un po' al voto per il Pd in via Montenapoleone a Milano e al Parioli a Roma, mentre al Lorenteggio, al Ticinese o a Tor Bella Monaca si vota a destra. Un paradosso incredibile, una confusione da mettere i brividi.

Se si guarda con gli occhiali della politica questa situazione di otto anni passati con la Merkel e con Obama, si può solo pensare a un suicidio dell'Occidente. La prima mossa probabile? Un asse a tre fra Gran Bretagna, Russia e Stati Uniti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.