BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

APPELLO SALVA-UE/ Così gli "illuminati" alla Saviano fan fuori il popolo (e le radici dell'Europa)

Pubblicazione:

Roberto Saviano (LaPresse)  Roberto Saviano (LaPresse)

3) Le proposte finali per "salvare l'Europa", da buoni gnostici pelagiani (fonte: decine di editoriali di quel meraviglioso laboratorio di vita e pensiero che era "Il Sabato"), sono a dir poco patetiche e sempre le stesse, mutatis mutandis: addirittura si parla di un "Erasmus" per le scuole medie. Nelle scuole europee, italiane non ne parliamo, vista la "buona scuola" (sic!), non si insegna neanche l'abc della cultura, si discute del sesso degli angeli e si mettono in discussione le radici dell'Europa, violentata dall'Ue, e questi se ne escono con lo strangolamento ideologico a mezzo di carte e finti contatti in giro per un mondo che non fa figli, è poco più di 600 milioni di abitanti, non sa più neanche che San Benedetto ha fondato tutto e il resto ce l'hanno messo la Chiesa e il meglio della cultura laica. Ancora una volta: ma di che stiamo parlando?

Elogio dei marxisti veri. Sì, elogio autentico, documentato. Costanzo Preve, Gianfranco La Grassa, Carlo Formenti, ieri Pietro Barcellona, pace all'anima sua, perfino Mario Tronti e Giuseppe Vacca, per citare qualche bel nome, avevano, questi sì, capito tutto: fatte fuori le radici cristiane e la laicità autentica e universale che ne consegue si farà, domani, anche fuori il popolo. Perché laico deriva da làos, che vuol dire appunto "popolo". E chi vogliono far fuori gli "illuminati"? Sento un bisbiglio dal fondo della sala…..sì, indovinato: il popolo. La risposta è una e una soltanto: non praevalebunt. Fonte di un certo rispetto, vedi alla voce "radici cristiane".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
20/11/2016 - Non prevalebunt (ALBERTO DELLISANTI)

La conclusione molto bella di Jannuzzi. Che fa bene a ricordarci come "làos" significhi popolo....

 
20/11/2016 - Tranquillo Iannuzzi. (marco nocetti)

Questi lavorano per noi.