BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO LE QUINTE/ Il "segreto" di Berlusconi? Sta a Strasburgo

Pubblicazione:

Silvio Berlusconi (LaPresse)  Silvio Berlusconi (LaPresse)

Che piaccia o no il pallino rimane saldamente nelle mani di Berlusconi, anche se le percentuali della sua Forza Italia sono ben lontane da quelle di un tempo e faticano a mantenersi in doppia cifra. Ma senza il 10% (o giù di lì) di Forza Italia, il caso delle comunali di Roma dimostra che Salvini e Meloni possono realisticamente aspirare al massimo al 20%, percentuale marginale di fronte ai due colossi, Pd e M5s, entrambi valutati a cavallo del 30%.

Sino al 4 dicembre Berlusconi è in stand by. E si è reso conto che solo con una vittoria del No potrà recitare ancora una parte sul palcoscenico della politica. Potrebbe dare una mano a riscrivere la legge elettorale, Renzi potrebbe avere bisogno di lui. E probabilmente di uno scenario simile si è cominciato a discutere a fine ottobre nell'incontro che l'ex premier ha avuto al Quirinale con il presidente della Repubblica, Mattarella. Ma questo complicherebbe non poco i rapporti con Salvini e la Lega. Non a caso Berlusconi ha gettato acqua sul fuoco, spiegando che il Pd avrà la maggioranza in Parlamento anche dopo il referendum, per cui "spetta a loro fare un governo, non è necessario il nostro sostegno". 

Ogni mossa verrà quindi valutata con attenzione, sulla base del risultato della consultazione referendaria. E nel frattempo potrebbero esserci novità sul piano del ricorso presentato alla Corte Europea dei Diritti Umani contro la legge Severino che determinò la sua decadenza da senatore. E' quanto lascia intendere uno che la sa lunga come Luigi Bisignani, dalle colonne del Tempo.

Se, dopo un'attesa di tre anni, l'esito del ricorso fosse a lui favorevole, allora la tattica attendista di Berlusconi troverebbe improvvisamente un senso. Si spiegherebbe il perché si è sempre rifiutato ostinatamente sin qui di incoronare un successore. In caso contrario, sarà quello il momento delle scelte. Il centrodestra italiano continua a essere Berlusconi-dipendente.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.