BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM/ D'Esposito (Il Fatto Q.): Grillo è caduto nella trappola del premier

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Beppe Grillo (LaPresse)  Beppe Grillo (LaPresse)

La mia sensazione è che Renzi sappia di essere in svantaggio e stia usando tutte le armi a disposizione per recuperarlo, come alzare i toni dello scontro e provocare Grillo. Lo scopo è quello di spaventare i moderati propensi al No. Un po' come avvenne alle europee 2014. E Grillo c'è cascato. Da parte di Renzi è comprensibile, perché quando si è in campagna elettorale e si insegue, si è costretti ad alzare i toni per andare a stanare l'avversario. Ricordiamoci di Berlusconi: quando era favorito rifuggiva i confronti, quando era sfavorito doveva inseguire gli altri. In questo caso, però, Grillo ha offerto a Renzi una sponda preziosa. Doveva stare zitto.

 

M5s dà invece battaglia sul voto all'estero, Di Maio insiste molto su questo. Ha ragione?

Certo. Se accreditiamo per un momento i sondaggi, 4-5 punti di distacco tra il No e il Sì equivalgono a circa un milione e mezzo di voti. Alle politiche del 2013 la media dei votanti esteri è stata circa il 30 per cento degli aventi diritto, vuol dire un milione e 200mila voti; oggi gli aventi diritto sono più di 4 milioni. Renzi sa che se dall'estero arrivano 700mila voti e in Italia il Sì guadagna, può recuperare lo svantaggio. Ma all'estero, come noi e tanti altri hanno dimostrato, è facile manipolare il voto.

 

Perché il sistema non è sicuro?

Perché l'elettore riceve dal nostro ufficio diplomatico un plico per posta, fatto stampare da aziende private e non si sa in quale quantità; lo apre, prende la scheda elettorale, vota, infila la scheda in una busta bianca anonima che a sua volta mette in una busta più grande a sacco, con vicino un tagliando che attesta il voto compiuto; e rispedisce la busta per posta ordinaria al nostro ufficio diplomatico. Durante questa fase può succedere di tutto.

 

Quale sarebbe la soluzione?

Far votare gli italiani all'estero usando come seggio gli uffici diplomatici, garantendo la segretezza e la libertà del voto come avviene nei seggi in Italia.

 

(Federico Ferraù) 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
24/11/2016 - Grillo ! Che scivolone...recupera! Renzi gode... (ALBERTO DELLISANTI)

Non si può sbagliare così scioccamente... e Grillo bisogna che porti tutta la sua acqua al Mulino di uno stop a Renzi. Al Renzi del "divide et impera". Dottor D'Esposito, glielo dico alla mia maniera di credente, che Dio la benedica. Per tutte le sue risposte all'intervistatore