BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

REFERENDUM/ Chi sono i veri "sponsor" della riforma Renzi-Boschi?

Pubblicazione:

Maria Elena Boschi (LaPresse)  Maria Elena Boschi (LaPresse)

Questa mobilitazione, che accompagna i grandi eventi storici, è la vera sorpresa della campagna referendaria. Essa spariglia le carte di chi, politici, industriali e banchieri, credeva di poter contenere al solo confronto interpartitico la dialettica tra favorevoli e contrari. L'impegno di tanti accademici, in particolare costituzionalisti, a parlare con chiunque ed in qualunque sede (non soltanto accademica, dunque) della riforma corrisponde alla volontà di tutti di voler comprendere per valutare e poi decidere.  

Peraltro, l'impatto con le tante deficienze tecniche che si rinvengono nella riforma Renzi-Boschi, rende ancor più forte la resistenza di una parte della comunità ad accettarne i contenuti dato che in essi, nella loro portata complessiva, si ravvisa il tentativo di stravolgere e poi neutralizzare la portata della Costituzione antifascista e repubblicana.  

In conclusione, l'esito referendario dipenderà molto dalla percezione che gli elettori avranno del senso della Costituzione, dei suoi valori, dei suoi principi. Di conseguenza, essi decideranno sui contenuti della riforma costituzionale.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
30/11/2016 - Per cavalleria, facciamo Boschi-Renzi (ALBERTO DELLISANTI)

L'articolo del Prof. Baldini sul "Renzianum" è eccellente come tutti quelli che lo hanno preceduto, e che sono tra le fonti di informazione BASILARI di cui il SUSSIDIARIO ci ha dato una insostituibile disponibilità da un anno a questa parte... Conferma (a chi già era informato bene sugli sponsor effettivi del "fenomeno" scovato a Firenze da Tony Blair e dai talent scout suoi colleghi), che tutta la vicenda degli ormai tre anni del Governo Renzi + Boschi (l'altra incontrastata padrona del Consiglio dei Ministri, e dei salotti televisivi italiani dove imperversa con il suo sorriso beffardo, mettendo in riga perfino la sua servile, sdraiatissima compare, Lilli Gruber, affinché zittisca il Prof. Onida) ha la propria sorgente nel vertice massimo del Capitalismo Bancario Finanziario Euro Americano, che trotta per il mondo per conto proprio, e per conto delle QUATTRO "Casa Bianca" di Washington/Londra/Berlino/Parigi, le quali sempre attingono alle Supreme Fonti (... Goldman Sachs...e JP Morgan...e Soros... ecc ecc). Ma in questi ultimissimi giorni che precedono il voto, si sente il bisogno di letture più brevi, schematiche, riassuntive, riepiloganti di una molteplicità di ragioni che consigliano il NO a un radicale cambiamento scaraventato dall'alto sull'Italia. (Per la gioia dell'illuministico commento di Assogna, quello, sì, molto illuministico).

 
27/11/2016 - Decisionalità (Pierluigi Assogna)

L'articolo si basa sull'assunto illuministico che maggiore è il numero di persone che prendono decisioni in successione su argomenti interlacciati e maggiore è la razionalità delle stesse. Assunto sconfessato dalla storia e dalla matematica.