BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DDL CIRINNA'/ Folli: Renzi, uno "scivolone" che nasconde altri problemi

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Vorrei dire che tutta la storia della legge Cirinnà è stata gestita male, con toni sbagliati e forzature che era meglio evitare. Ma non è tanto su questa legge, sul contenuto di questa legge, che Renzi può compromettere veramente la sua credibilità e la sua fortuna politica. I problemi su cui pone attenzione oggi la stragrande maggioranza del Paese sono altri: il rapporto e il contenzioso con l'Europa, l'economia, l'occupazione. E' evidente che è su questi grandi problemi che Renzi si deve misurare. Alla fine, se non dovesse riuscire a risolvere il nocciolo della "questione" italiana, anche il comportamento sulla Cirinnà gli verrebbe ricordato e rinfacciato.

 

Le divisioni che ci sono state all'interno del Pd possono avare ripercussioni sul partito?

No, non credo. C'è il modo per uscire da questa situazione, e ottenendo quello che è possibile ottenere. Lo dicevo all'inizio: con un annacquamento almeno dell'articolo 5 e un'attenzione a parte, magari con un'altra legge, sulle adozioni. Insomma le regole della politica esistono, così come le mediazioni necessarie. Le forzature a volte sono scommesse che vanno bene, a volte producono contraccolpi che lasciano segni in un contesto generale che non è molto positivo, in questo momento, per Renzi e il suo governo.

 

Eppure gli ultimi sondaggi danno il Pd in crescita di due punti.

Al momento, dopo le dichiarazioni su Juncker e sull'Europa, la popolarità del presidente del Consiglio può anche salire, perché vanno a toccare problemi sensibili sul futuro economico italiano ed europeo. Ma poi occorre ottenere risultati, come sempre ma soprattutto quando si forzano i toni. Se per caso il contenzioso in corso con l'Europa non dovesse ottenere risultati accettabili su flessibilità e altre cose, Renzi potrebbe andare incontro a brutte sorprese sul piano della popolarità, cioè, in soldoni, quello elettorale".

 

(Gianluigi Da Rold)

© Riproduzione Riservata.