BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DDL CIRINNA'/ Preziosi (Pd): legge figlia di un governo con la testa vuota

Monica Cirinnà (Infophoto) Monica Cirinnà (Infophoto)

Le dinamiche interne al Pd non saranno superiori a quelle che già ci sono. Certo la mediazione andava favorita prima. Non sarà sfuggito all’opinione pubblica che persone che fino all’altro ieri dicevano che non si doveva toccare una virgola del ddl Cirinnà altrimenti votavano contro, oggi fanno dichiarazioni positive sulla svolta di Renzi. Politicamente lo apprezzo, ma sotto il profilo culturale ho qualche punto di domanda sulla sincerità di queste posizioni. In questi mesi è mancato un confronto anche perché qualcuno si è irrigidito sulla sua posizione.

 

Il sostegno di Verdini sulle unioni civili è soltanto un fatto occasionale o prelude a qualcos’altro?

Non credo che preluda a qualcos’altro, la ritengo piuttosto una convergenza occasionale. Quell’apporto in parlamento nasce del resto dallo sfaldamento della coalizione di centrodestra e dall’impossibilità di riconoscersi in una leadership che in precedenza era più forte mentre oggi è inesistente. Oggi c’è tutta una serie di partitini che non si muovono secondo una logica di disegno politico, bensì nell’ottica della sopravvivenza personale di singoli parlamentari che attraverso questa scialuppa pensano di potersi garantire.

 

Il Pd ha attratto nella sua orbita centristi come Ncd, Udc e Scelta civica. Perché a destare scandalo è soltanto il sostegno di Verdini?

L’alleanza con Alfano ha un valore ben diverso rispetto alle convergenze parallele con Verdini. In alcuni passaggi al Senato i numeri di Verdini possono essere utili o addirittura indispensabili. Viceversa il disegno di un avvicinamento tra Pd e Ncd dovrebbe avere un significato diverso, in funzione di un centrosinistra nuovo e capace di garantire al Paese livelli di stabilità che abbiamo conosciuto in passato. L’alleanza Pd-Ncd ha quindi un senso plausibile.

 

Infine che cosa ne pensa della candidatura di Enrico Rossi a segretario del Pd?

Non ho ancora avuto modo di capire il senso della candidatura di Rossi e quali saranno le altre. C’è però da augurarsi che il Pd possa avere una pluralità di presenze e di candidature, in modo da poter svolgere un vero congresso di confronto. La situazione è meno sana quando c’è un’unica candidatura.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
24/02/2016 - voti (roberto castenetto)

Visto che il commento precedente non è passato, vi mando questa domanda. Come mai la legge sulle unioni civili è diventata improvvisamente materia di governo? Perché non si è lasciato che Renzi si cercasse i volti in Parlamento?

 
24/02/2016 - #ciricorderemo (Giuseppe Crippa)

Dice bene l’on. Preziosi quando afferma che nel centro destra “oggi c’è tutta una serie di partitini che si muovono nell’ottica della sopravvivenza personale di singoli parlamentari”. Aggiungo che la legge elettorale prevede che i capilista dei partitini siano eletti senza bisogno di preferenze, quindi votare questi partitini – ammesso che le loro liste conterranno qualche personaggio nuovo – significa rieleggere questi signori. Si fa sempre più pressante l’esigenza della nascita di una nuova formazione politica, che mi piacerebbe si chiamasse "#ciricorderemo”.

 
24/02/2016 - Teste mezze piene o mezze vuote? (claudia mazzola)

Ho convissuto. Mi sono sposata civilmente. Mi sono poi sposata in chiesa. Non ho figli e questa è la mia famiglia, 2 persone con doveri e diritti. Spero questa legge porti frutti buoni e giusti, non colpe!