BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

UNIONI CIVILI/ Lupi: la mia risposta a quelli del Family day che gridano allo scandalo

Lettera aperta di MAURIZIO LUPI ai leader del Family day che lo contestano dopo il sì al ddl. Quello che conta, in politica, dice l'esponente di Ncd, è l'intelligenza della mediazione

Maurizio Lupi (Infophoto)Maurizio Lupi (Infophoto)

Caro direttore,
alcuni leader del Family day urlano allo scandalo: "No al matrimonio gay!". Ma non possono più dire no alle adozioni gay, no all'utero in affitto, no alla stepchild adoption, perché tutte queste cose non ci sono più. La "Cirinnà" non c'è più. Come dicevano alcuni striscioni al Circo Massimo: "Cirrinò".

La realtà è testarda. Ma bisogna guardarla, la realtà. Bisogna guardare il lavoro fatto, le necessarie mediazioni. Perché i princìpi, se non vogliamo che restino eterei ma informino di sé la vita e la società, devono inserirsi nella realtà storica in cui si vive. In base al principio, che ben conosceva, della dignità e dell'unicità della persona umana, san Paolo — secondo certi maître à penser odierni — dovrebbe essere affidato alla damnatio memoriae perché non ha denunciato la schiavitù ma "solo" chiesto al suo amico Filemone di trattare lo schiavo che gli mandava non come schiavo ma come fratello.

Quando nei Paesi democratici non hai la maggioranza del consenso, il dovere e l'intelligenza della mediazione sono ancora più necessari. Non l'assenza del compromesso — dice Joseph Ratzinger, la stessa persona dei principi non negoziabili — ma il compromesso stesso è la vera morale dell'attività politica. 

In questa legge, che — diciamolo subito — non è la legge che avremmo scritto noi se fosse stato possibile, non c'è l'adozione per le coppie omosessuali, non c'è la stepchild adoption, non c'è l'utero in affitto (sul quale proporremo una legge con un solo articolo: l'utero in affitto è reato universale), non c'è il matrimonio omosessuale.

C'è, invece, una nuova unione sociale con diritti e doveri che si richiamano agli articoli 2 e 3 della Costituzione, che riguardano i diritti dell'uomo come singolo e nelle formazioni sociali, tra le quali non c'è la famiglia, che è un istituto a parte di cui la Costituzione parla negli articoli 29, 30 e 31, distinguendolo in questo modo da ogni altra formazione sociale. 

Questa è la realtà, e la sua testardaggine. 

Certo, in alcuni richiami al codice civile ci sono ancora similitudini tra unioni civili e famiglia che possono prestarsi a equivoci e che contrastano con la chiarezza di altri commi inequivocabili. Ma si possono correggere nel passaggio alla Camera, e soprattutto sono già anestetizzate da una clausola di salvaguardia inserita a chiare lettere nel nuovo testo: "i suddetti richiami valgono in modo limitato alla finalità del nuovo istituto". E la finalità del nuovo istituto non è la procreazione, non è la genitorialità, non è la fedeltà "coniugale" che è sparita dal testo.

Resta il rischio che qualche tribunale possa interpretare in modo creativo e contrastare lo spirito della legge? Certamente sì. Come avviene per tutte le leggi. Meglio una legge a rischio interpretativo o una legge che prevedeva esplicitamente la lesione del diritto dei bambini a una famiglia, introducendo l'adozione per le coppie gay? Meglio una legge a rischio interpretativo o una che dice che solo il matrimonio è il luogo della genitorialità?


COMMENTI
06/03/2016 - Lupi & agnelli (Ma BA)

Quello che Lupi non spiega è come mai di fronte alla volontà del PD di fare una legge sulle unioni civili l'NCD non ha preteso di partecipare alla stesura del testo sin dall'inizio, pena l'uscita dalla maggioranza, invece di aspettare sino all'ultimo quando ormai i giochi erano fatti. Semplice, ma a quanto pare formidabilmente ostico per Lupi e compagnia, ai quali evidentemente interessano altre cose, al di là delle vuote chiacchiere politichesi di giustificazioni fasulle sbandierate come realismo politico.

 
29/02/2016 - approvazione unioni civili (paolo negri)

1/2 Grazie Maurizio. Dopo aver letto il tuo articolo non mi è venuto subito in mente di scrivere un mio commento, cosa che voglio fare ora, avendo letto i commenti dei più. Lo faccio per esprimerti la mia stima. Sono convinto che il tuo comportamento sia un esempio di sano realismo, di chi, con libero dai ricatti dei risultati, si sia responsabilmente impegnato per il bene comune, compiendo, tentativamente (e quindi con quell’ironia di cui, forse, certi amanti solo dei principi inderogabili non sono più capaci) di svolgere quell’azione politica che il Beato Paolo VI definì “la più alta forma di carità”. Non voglio esagerare e non voglio scrivere troppo considerazioni, ma, avendo appena riletto il bellissimo libro di J. Carrón, La bellezza disarmata, cito solo tre passaggi, prendendoli dal secondo capitolo. Mi rivolgo a tutti, con una particolare attenzione ad alcuni dei commentatori al tuo articolo. Perdonatemi se non riesco a non apparire come chi vuol dar lezioni che non voglio proprio dare a nessuno. A me è risultata molto utile la lettura di questo libro.

 
29/02/2016 - Il gioco delle tre Carte (Rodolfo Nava)

Il gioco più bello del mondo carta vince carta perde! ma in questo gioco perde solo il popolo (non solo quello del Family day). Il tavolo è il Family Day a cui si sono prestati a farsi vedere alcuni nostri politici mettendosi in mostra davanti alle telecamere di Tg e quant'altro, non potendo guadagnare palco e microfono. Le carte che perdono sono Cirinnà e Stepchild Adoption. La carta vincente è il coniglio dal cilindro di Alfano, delfino infedele direi quasi quasi uno squalo. Con abile maestri, con sprezzo delle regole si trucca il ddl Cirinnà si fa finta di togliere la StepChild Adoption e volià il gioco è fatto. Il popolo bue viene accontentato. E via con la festa e le medaglie appuntate al petto. Siamo stati bravi! Noi si che siamo bravi! Noi si che sappiamo ammaestrare il popolo! Venite signori Venite signori... Peccato che la stepchild Adoption rientrerà in brevissimo tempo basta una piccola sentenza della CEDU. Le unioni civili sono perfettamente uguali nel maxi emendamento alle unioni eterosessuali (la famiglia non esiste più ci si divide per sesso ormai). E poi si prendono a pretesto i Santi i Papi il cuore la fede vissuta!!! Caro Maurizio tu devi rappresentare gli elettori che ti hanno eletto e il popolo che ha chiesto di eliminare una legge iniqua senza se e senza ma. Non hai mantenuto le tue promesse elettorali ti sei beato al Family Day senza portare avanti la voce del popolo. E chi pesca la carta vincente il vostro caro amico Niki Vendola. Grazie

 
29/02/2016 - Attenzione, Gesù ci farà cadere da cavallo (claudia mazzola)

Siamo tutti diventati come Saulo?

 
29/02/2016 - occasione persa, l'ennesima! (daniele giomi)

Gli intendimenti e le proposte scaturite dal Family Day non lasciavano spazio ad interpretazioni o compromessi al ribasso: NO alle unioni gay e NO a tutto quello che ne era corollario, come utero in affitto, adozione e quant'altro. Chi dei politici era li non poteva non capire cosa volevamo da parlamentari che si proponevano come nostril rappresentanti in Parlamento. L'occasione servita su un piatto d'argento dai pentastellati era li a portata di mano per far cadere questo governo abusivo, imposto frutto di salti della quaglia e di tradimenti. Invece vi siete piegati ed illusi di aver ottenuto un qualcosa che il Governo, appena passata la paura della sconfitta ha subito riproposto ed adesso non avranno nessuna opposizione perchè I pentastellati voteranno e renderanno inutile I vostri e quelli di verdini di voti. A breve avremo l'utero in affitto, le adozioni per I gay e tutto il ciarpame ideologico che voi, FINTI CATTOLICI, non siete stati in grado di contrastare. Abbiate almeno il pudore di non tirare fuori la parola cattolico alle prossime vostre apparizioni e assumetevi la responsabilità di cosa avete permesso accadesse in Italia. Almeno abbiate l'onestà di non essere vigliacchi!!

 
29/02/2016 - non vi rimpiangeremo (marco nocetti)

quando sarete scomparsi dalla scena politica che occupate grazie ai nostri voti.

 
29/02/2016 - cirinnà (TORREMBINI FABIO)

Lupi è disarmante, pare non abbia nemmeno letto il ddl in oggetto, che presenta profili di incostituzionalità patenti e altri furbi tecnicismi che lo rendono se possibile ancora peggiore del testo precedente. L'adozione per le coppie omo sarà realtà in pochi mesi. Non vorrei nemmeno pensare alle 900mila coppie di fatto etero (con 700mila figli annessi...) che, a differenza, di una (inutile...) coppia omo, non hanno alcun diritto (reversibilità...). D'altra parte per un certo tipo di persone sappiamo benissimo 'di che mancanza è questa mancanza': chiamasi POTERE! o più prosaicamente poltrona! 2 anni orsono NCD fece bene a sostenere Letta (penso che la manovra fosse segretamente appoggiata anche da Berlusconi, che di certo, non voleva le elezioni anticipate!). l'errore fu entrare nel governo e rimanerci ostinatamente! il fiorentino in questo momento, per non parlare d'altro, approverebbe anche la clonazione umana! quanto al discorso del reato universale... siamo alle comiche finale! che vuol dire? che peso giuridico hanno le dichiarazioni universali? in tanti paesi occidentali (e non) la prostituzione dell'utero è possibile. tecnicamente l'unico rimedio possibile in chiave nazionale sarebbe quello di dichiarare adottabili (da una famiglia composta da uomo e donna...) i figli di genitori omo (o anche etero) nn appartenenti ai genitori naturali. questo sarebbe l'unico modo per fermare Vendola e c. Altrimenti vietare l'utero in affitto in Italia a che serve?? che tristezza!

 
28/02/2016 - Per trenta denari... (Sofia Gambardella)

Lascia la politica, inutile mediare, era meglio un bel NO. Comunque il NCD sparirà e ci ricorderemo di te alle elezioni. Addio... ti abbiamo già dato tanto adesso a casa.

 
28/02/2016 - LA CIRINNEW 1 (Massimo Mascolo)

Smettiamola di autoassolverci dicendo che si è attenuato l’effetto di una legge che altrimenti sarebbe stata peggiore. Rifarsi a Giovanni Paolo II e all’allora cardinal Ratzinger sul caso è assolutamente improprio e strumentale. Se si vogliono citare quei giganti, occorre usare un pensiero logico e quindi l’esempio razionalmente corretto dovrebbe essere questo: se domani in Parlamento si potesse votare una legge che attenuasse e limitasse fortemente il ricorso all’aborto (quindi di una legge già in vigore, purtroppo), prevedendo misure vere di accompagnamento delle madri in difficoltà e se i vari Lupi dichiarassero l’intrinseca malvagità dell’aborto in quanto tale, rendendo nota questa posizione a tutti i cittadini, potrebbero, di fronte all’impossibilità di abrogare quella legge, votare norme di attenuazione dei suoi effetti. Solo in questo caso il ragionamento di Lupi (e di tanti altri cattolici che la pensano così) non farebbe una piega e potrebbe avvalersi dell’autorevolezza di quei due giganti.

 
28/02/2016 - LA CIRINNEW 2 (Massimo Mascolo)

Ma ora entro nel merito della legge approvata: Lupi pudicamente parla di “alcuni richiami al codice civile” in cui ci sono “similitudini tra unioni civili e famiglia”. Eh no, caro Lupi, purtroppo noi del grezzo popolo che va pure al Family day abbiamo imparato a leggere, scrivere, far di conto e continuare a studiare. Se il testo approvato e che ho scaricato dal sito del Senato è quello che lei ha contribuito a far votare, allora esso ha ben più che alcuni richiami al codice civile, ha ben più che similitudini. Infine vorrei però fare un passo ulteriore. Qui non c’era in ballo una legge qualunque, su cui esercitare l’inevitabile e nobile arte politica della mediazione, ma una legge “simbolo” di una deriva che viene da lontano, di tipo ideologico, e che ora è supportata da tutti i grandi della Terra (istituzioni internazionali, centri studi, grande editoria, mass media mondiali, Tutti i TG, tutti i talk, cinema, pubblicità, social network, multinazionali, massonerie varie e Sanremo). Quindi la Cirinnà andava rigettata in toto, ritornando in Commissione. Non è possibile mediare, negoziare, far compromessi politici, con chi ha deciso di destrutturare anche giuridicamente i pilastri elementari dello stare insieme in società. Mi spiace fratello nella fede, ma lei ha proprio sbagliato e, fatta salva la buona fede in coscienza, l’erroneità del suo giudizio è palese.

 
28/02/2016 - Lupi ... (giacomo rocchi)

... ci ricorderemo

 
27/02/2016 - Riscontro a "Non buttiamo via la nostra unità" (ALBERTO DELLISANTI)

Condivido l'invito. L'unità si sta forse minando. Ma per contributo che viene da ambo i campi di opinione. Sia dall'impersonato in politica da Lupi e Formigoni, sia dal non riducibile ai partecipanti al Family Day. Non condivido lo scritto di Lupi e non condivido toni esacerbati di alcuni (solo alcuni) commenti. Di Alfano e company fui entusiasto che si scindessero da un Berlusconi che si faceva i fatti suoi, mollando Enrico Letta, con sottostante filo diretto che il brianzolo tesseva con Renzi. Ebbero il merito di non fare cadere Letta. Mentre le Riforme che Renzi ha ruzzato in porto sono farina del suo sacco stesso, Jobs Act compreso. Ovvio, NCD permettendo. In attesa peraltro della confluenza della truppa del toscano e berlusconissimo Denis Verdini. E'inutile avocare al NCD il merito dello stralcio dell'adozione del figliastro. Il "merito" è di Grillo, e del Renzi che ha compreso che due terzi degli italiani sono contro le adozioni omosessuali, oltre che di Galantino e Bagnasco. Renzi ha garantito che passo dopo passo lo stralciato arriverà, anche via Magistrature italo europee. Lo NCD dichiarò di votare contro la Cirinnà, rimettendo a un futuro referendum il bocciare la legge. Pazzesco, impossibile. Lo sappiamo. Lasciare il Governo, unica pressione vincente, non se ne parlava. Sono finiti a votare a favore per lo stralcio di un piatto di lenticchie. Ma l'indicibile minestrone sotteso al DDL Renzi-Alfano arriverà tutto, con maggioranze variabili.

 
27/02/2016 - risposta a LUPI (daniele fringuelli)

lei è un maledettissimo ipocrita e falso. Cita San Paolo a sproposito e solo per quello che gli fa comodo per giustificare una vs. vigliaccheria e tradimento, peggiore di quello di GIUDA (ma si ricordi che fine ha fatto!). Si vada a leggere la lettera ai Romani 1 cap. versetti del 24 al 32 e poi mi dirà cosa pensava questo SANTO dell'abomenovele peccato dell'omosessualità. Prtroppo questo grave peccato è il segno della maledizione e del castigo di Dio per i popoli che hanno abbandonato la sua via, grida vendetta. e voi avete, con il vs comportamento da DON ABBONDIO, ammesso che la realtà odierna è questa, e la dobbiamo accettare. No sig. lupi (non merita un titolo onorario perchè questo va conquistato con il conmportamento e lei ed il suo partito non lo meritate), i veri padri di famiglia che lottano quotidianamente per il lavoro e la dignità nelle relazioni umane, dovrebbe vergognarsi e chiedere perdono a Dio perchè non avete compreso quello che avete fatto!

 
27/02/2016 - etero o omo per me (ITALIA) pari "non" sono (Achille Cilea)

La cosa inspiegabile (e scandalosa!) è la facilità con cui si sono trovate le risorse (130,3 milioni di euro) per soddisfare i bisogni (?) di circa 7.000 coppie omosessuali, mentre il FORUM DELLE FAMIGLIE (e le Associazioni che l'hanno preceduto dal 1982) si batte per il "fattore famiglia" senza avere uno straccio di risposta, nonostante la (ripetuta più volte) raccolta di milioni di firme presentate a ben tre successivi Presidenti della Repubblica. Achille Cilea

 
27/02/2016 - La veridica storia in pillole (Massimo Zamarion)

1) Prima vi mettete nelle condizioni di dover scegliere tra il "niente" e il "piuttosto". 2) Poi dite che responsabilmente avete scelto il "piuttosto" ...piuttosto che il "niente". 3) Poi assistite con la serena rassegnazione di chi ostenta di avere fatto tutto il possibile alla trasformazione in "niente" di quel "piuttosto" che a tale trasformazione è già geneticamente predisposto.

 
27/02/2016 - Oggi Lupi lettera lunga. Ieri Formigoni (ALBERTO DELLISANTI)

Penso al commento di ieri, ora in calce all'intervista a Formigoni. E alla fortuna che manchi Alfano. Che tocco di dabbenaggine. l'Alfano palleggia col concetto "contro natura". Per Ratzinger e San Paolo, legga - Lupi - il commento ottimale del Signor Reguzzoni. Lei dice che nella legge Renzi-Alfano non vi è il matrimonio omosessuale. Ma contro la legge (caricata della fiducia!) legga il lucido intervento di Sacconi in Aula!! Lei ci ha salvato dall'utero in affitto, e coi suoi partorirà alla Camera a maggioranza bulgara del PD, la "legge Lorenzin" che lo renderà "delitto universale". Cosa di meglio che richiamare Totò, come qui sotto? Procreazione e genitorialità "sparite"! Già, in attesa che le portino alla luce i chirurghi e i protesici dei Tribunali italiani ed europei... Ama il prossimo tuo come te stesso, omosessuali compresi. Ci mancherebbe. Lo vogliamo sia lei che io. Ma cosa fai con gli omosessualisti dei diritti inesistenti, e dei bambini fabbricati in nefande linee di produzione che li spogliano del diritto ad essere generati e cresciuti da mamma e papà... Lei dà del camuffatore a leaders del Family Day. Cosa dovrebbero fare quelli lì? Lo stesso? Lasci perdere... E stia libero di tenere buoni per lei la sua lettera odierna, come l'occasione nella quale Lupi Maurizio ci stigmatizzò in tanti sulla Giannini e il gender e la scuola...

 
27/02/2016 - Unioni civili (Franco De Iaco)

Sembra proprio strano che non si riesca a capire la realtà dei fatti. Eppure tanti suoi colleghi lo hanno spiegato in modo molto chiaro quello che lei sembra non capire. Questa legge è la nuova breccia di Porta Pia. Questo è l'inizio, riproporremo la parti mancanti. Queste sono le frasi che si possono leggere sui media ed altre cose simili e che le attività sono già iniziate come comunicato dalla biondina con il padre onesto al TG4. Capisce ora perché è insoddisfatto chi si è fatto ventisei ore di viaggio per essere in Piazza San Giovanni prima ed al Circo Massimo poi. Le ricordo la vecchia conquista laica dell'aborto. Si diceva: non preoccupatevi, è garantita l'obiezione di coscienza ai medici. Oggi si sta dicendo che un medico è un dipendente dell'ospedale e deve fare quello per il quale è pagato.

 
27/02/2016 - Non buttiamo via la nostra unità (Mario Zansarzi)

Condivido le affermazioni di Lupi. Che non sia la legge che desideravamo siamo tutti d'accordo, ma sarebbe stato possibile ottenere di più? E come? Senza entrare nel dettaglio delle critiche è giusto che rappresentanti e popolo del family day - se non scendono loro stessi in politica - esercitino pressioni su chi sta in parlamento. Ma lo facciano con realismo, rispettando le condizioni oggettive in cui Area popolare ha dovuto lottare e mediare per ottenere lo stralcio della stepchild adoption sotto la spada di Damocle di M5S e altro. Altrimenti indichino loro la strada giusta senza genericità e valutando tutte le possibili conseguenze di ogni azione. Le polemiche nate sui giudizi della legge ex Cirinnà, associate ad altre di natura meno politica e più dottrinale, stanno minando l'unità dell'area cattolica più vivace degli ultimi decenni producendo solo farina del diavolo. Non dimentichiamo poi un dato importantissimo che sta sfuggendo ai più: I cattolici del PD finalmente hanno preso una posizione netta e hanno avuto un peso sulle decisioni del partito dando un contributo fondamentale per lo stralcio della stepchild adoption, non possiamo più lasciare soli questi fratelli anche se non condividiamo al 100% tutte le loro scelte. La luce conquista le tenebre palmo a palmo, occorre lavorare uniti perché non è finita: adesso occorrono leggi giuste sulle adozioni e di sostegno alle famiglie e continuando a lanciare strali fra noi si fa solo il gioco del nemico.

 
27/02/2016 - unioni civili (cesare longoni)

dunque egregio deputato (quasi nessuno di voi è onorevole) mi faccia capire: tutto è andato bene, grazie a quelli come lei e chi ha l'ha votato è nato il "cirinnò"e non la "cirinnà). Renzi invece è orgoglioso del successo. secondo lei chi è lo scemo noi o Renzi? tiepido fariseo verrà vomitato. cesare longoni

 
27/02/2016 - Compromesso o sottomesso (nicola mastronardi)

Ma quale compromesso il merito di quello che è accaduto in parlamento è dei pentastellati che si sono messi di traverso, e di Verdini che ha offerto la stampella a Renzi. Anzi le dirò di più caro onorevole, chi vuole Renzi al potere è mister Berlusconi il quale sa benissimo che se questo governicchio cade, rischia di ritrovarsi la sinistra o i pentastellati al potere, infatti è stato lui a regalare la stampella Verdini, per poter reggere. Renzi e mister Berlusconi sono una coppia di fatto che non hanno l'obbligo di fedeltà. Lei è solo un sottomesso e non è la prima volta che accade, vedi le detrazioni per la scuola paritaria altro cavallo di battaglia, una miseria (76 euro meno 2 euro di marca da bollo per la richiesta del certificato), ma mi faccia il piacere.

 
27/02/2016 - La sua posizione sulle unioni civili 2 (antonio dallera)

Aggiungo solo un commento prettamente politico: lei, Onorevole Lupi, ha dimostrato una non comune abilità a dimettersi, quando non doveva, e a non dimettersi, quando questo sarebbe stato più che ragionevole. Il tutto a favore del Governo: COMPLIMENTI!

 
27/02/2016 - Lo scandalo c'è (giuseppe reguzzoni)

Lo scandalo c'è e non ci sono scuse. 1) J. Ratzinger ammette i compromessi in politica sugli accidenti, mai sulla sostanza. Il bene è bene e il male è male. Intrinsece malum. Tommaso Moro, modello dei politici cattolici, ci ha lasciato la testa, con Enrico VIII. 2) Lei non è San Paolo. Questi era un cittadino comune non un senatore di Roma, e non poteva cambiare le leggi, ma solo suggerire una mentalità nuova. Lei è un senatore, incarico che non è una croce, ma un privilegio. 3) papa Felice III: "Chi approva, anche tacitamente, una prevaricazione, ne è complice e corresponsabile". Lasci stare il dialetto brianzolo: è espressione di una cultura che non Le appartiene più. Giuseppe Reguzzoni.

 
27/02/2016 - La sua posizione sulle unioni civili (antonio dallera)

Carissimo Onorevole, visto che cita proverbi, le dirò che la sua "excusatio non petita" è un "tacon peso del buso". La realtà è che lei e altri che ho, con rammarico, votato, avete fatto poco o niente per essere organici al popolo a cui avete chiesto e ottenuto voti. Capisco Verdini che vende solo favori e poltrone in cambio di voti. Ma voi? Avevate solo da rispettare il mandato che vi avevamo dato e cercare di confrontarvi con la vostra base, invece che farvi i cavoli vostri: avete, invece, solo combinato un gran pasticcio e fatto vergognare chi vi ha supportato!

 
27/02/2016 - Parole, parole, parole. (Alberto Pennati)

I cattolici come lei mi fanno vergognare di esserlo, perché il suo partito è stato determinante per approvarla questa legge. Ma gli statisti non esistono più: conta solo il potere. Ed il suo partito lo conferma. Ed il cattolico Renzi lo sa. E adesso tocca all'altro cattolico Mattarella. Almeno ci risparmi le arrampicate sugli specchi.

 
27/02/2016 - realtà (roberto castenetto)

La realtà è testarda, ma nessun uomo, con la sua sola intelligenza, può avere la pretesa di rappresentarla compiutamente. Lo stesso onorevole Lupi ammette che nella legge ci sono delle ombre e i suoi colleghi di partito, come i senatori Formigoni o Sacconi, le accentuano, tanto da non averla votata. Quindi c'è ancora molto lavoro per tentare di modificarla alla Camera e poi di nuovo al Senato. Quello che Lupi non spiega è perché una legge che non era materia di governo lo è improvvisamente diventata. Per evitare l'abbraccio tra Pd e M5s? Per evitare le adozioni, che comunque verranno per via giudiziaria o europea? L'impressione è che a Ncd manchi una strategia politica chiara. Una parte consistente del popolo italiano, cattolico e non, è senza rappresentanza politica: chi si assume la responsabilità di dargliela?

 
27/02/2016 - Aspettiamo fiduciosi (Giuseppe Crippa)

Lupi dice, a proposito di utero in affitto, “Proporremmo una legge di un solo articolo. L’utero in affitto è reato universale”. Aspettiamo di vedere questo ddl in Parlamento blindato da un voto di fiducia… Totò gli direbbe: “Onorevole? Ma mi faccia il piacere!” (https://www.youtube.com/watch?v=6bjQOwXMoPk)