BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DDL CIRINNA'/ Mauro: metodo-Renzi incostituzionale, lo portiamo davanti alla Consulta

Infophoto Infophoto

Perché i numeri in commissione non garantivano il governo. Fin dall'inizio ho sempre sostenuto che si scrive "Cirinnà", ma si legge "Renzi-Alfano". Quando un partito come Ncd fa finta di non accorgersi che questo provvedimento passa con una maggioranza diversa da quella di governo e cioè Pd-M5s, e ugualmente rimane nell'esecutivo, evidentemente significa che c'è una strategia condivisa con l'azionista di maggioranza del governo stesso.

 

Perché ponete la questione di legittimità costituzionale prima, e non dopo l'approvazione della legge?

Noi ora non stiamo ponendo un problema sulla costituzionalità della legge, bensì di costituzionalità sulle procedure relative all'articolo 72 della Costituzione, e quindi solleviamo conflitto di attribuzione tra i poteri dello Stato. Il potere esecutivo ha infatti prevaricato il Parlamento, non consentendo che si applicasse l'articolo 72 che prevede che ogni disegno di legge debba essere espletato in commissione. Laddove non si raggiunge un accordo in commissione si va in aula. Ma questa volta c'è stata una truffa e un obbrobrio al quale hanno partecipato molte persone in questo parlamento. Per questo noi abbiamo deciso di sollevare il conflitto di attribuzione davanti alla Corte costituzionale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/02/2016 - Fatti non foste a viver come bruti (GIANLUIGI PARENTI)

Caro Mauro devi dire anche all'On. Lupi tuo ex collega di partito che così facendo ha già perso la corsa per Milano e alle prossime elezioni perderà anche il lavoro di senatore. Ma dico io: dopo lo schiaffo che Renzi gli ha già propinato sulla faccenda del famoso orologio, perché non lo manda a"ranare"? Cosa pensa di ottenere? Boh?

 
04/02/2016 - Insisti Mauro! (Luigi PATRINI)

Credo doveroso quanto dice Mauro. Il NCD deve davvero vergognarsi se non ha il coraggio di abbandonare il Governo che sta imponendo una legge con una maggioranza diversa da quello che lo ha votato. Alfano e i suoi accoliti dimostrino che non sono attaccati al potere!