BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Sondaggi elettorali politici 2016/ Intenzioni di voto: Pd al 34,3% ma poca fiducia nel governo Renzi (ultime notizie, oggi 12 marzo)

Pubblicazione:sabato 12 marzo 2016 - Ultimo aggiornamento:domenica 13 marzo 2016, 11.14

Parlamento, Italia (Infophoto) Parlamento, Italia (Infophoto)

CLICCA QUI PER GLI ULTIMI SONDAGGI ELETTORALI POLITICI 2016, OGGI DOMENICA 13 MARZO

 

SONDAGGI ELETTORALI POLITICI 2016. INTENZIONI DI VOTO: PD AL 34,3% MA POCA FIDIUCIA NEL GOVERNO RENZI (ULTIME NOTIZIE, OGGI 12 MARZO) - Il Partito Democratico riscuote il 34,3% delle preferenze degli italiani, secondo gli ultimi sondaggi elettorali politici 2016 ma il governo Renzi fa registrare poca fiducia. La rilevazione è stata condotta dall'Istituto Ixè per il programma Agorà di Rai 3. Al campione di elettori è stato chiesto: Se si votasse oggi per le elezioni politiche, a quale dei seguenti partiti darebbe il suo voto? Queste le percentuali dei vari partiti: Partito Democratico-PD 34,3; Sinistra Italiana/ SEL 5,3; Scelta Civica 0,3 per un Totale centrosinistra 39,9; Forza Italia 10,6; Nuovo Centrodestra 2,1; UDC - Unione di Centro 0,9; Fratelli d'Italia – AN 3,3; Lega Nord 14,7; Altro centrodestra 0,5 per un Totale centrodestra 32,1; Movimento 5 Stelle 24,5 Rifondazione comunista 1,3; Verdi 0,5; Italia dei Valori 1,0; ltro partito 0,7. Quindi gli elettori sceglierebbero in maggioranza il Pd se si andasse al voto oggi anche se il governo Renzi non convince gli italiani. Alla domanda infatti: Quanta fiducia ha nel governo Renzi? gli intervistati hanno risposto: Poca 42%; molta + abbastanza 30%, Nessuna 28%, Abbastanza 27%, Molta 3%.

SONDAGGI ELETTORALI POLITICI 2016. INTENZIONI DI VOTO: IL PESCE CHE NUOTA TRA IL PD E IL M5S (ULTIME NOTIZIE, OGGI  12 MARZO) - Per la consueta rubrica sui sondaggi politici elettorali che da uno sguardo alla situazione politica del paese, andiamo a dare un'occhiata all'andamento del Partito democratico e del movimento 5 stelle, comparandoli, disegnato nel tempo dai sondaggi di Demopolis. Se qualcuno si stesse chiedendo che centra il pesce, in effetti non centra nulla, sennonché, ponendo a confronto i dati dei due importanti soggetti politici, la trasposizione in forma grafica dei vari valori, dal 2013 a oggi, proprio quella figura disegnerebbe. Un andamento speculare del gradimento quindi, che vede il Pd guadagnare tutti i suoi punti migliori intorno al maggio del 2014, proprio mentre il movimento 5 stelle bivacca in leggera flessione, per poi arrivare a una convergenza al contrario nel dicembre del 2015. E' in quel periodo infatti che il PD, dopo il picco precedente, scende ai minimi livelli che vengono identificati intorno al 31%, mentre il M5S, con il 28% circa, strizza l'occhio da vicino al partito di Renzi. Venendo alla situazione attuale, pur rimanendo un certo distacco fra le due compagini, con un 32,2% stimato dalle ultime rilevazioni, attribuibile al Pd, e il 26% circa dei pentastellati, sempre secondo i sondaggi Demopolis, siamo ben lontani dal distacco massimo avuto, come detto prima, nel maggio 2014. Un distacco ben più rilevante, dove il partito di Renzi era oltre il 40% e quello di Grillo vicino al 20%.



© Riproduzione Riservata.