BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

DIMISSIONI GUIDI/ Le quote rosa e l'emendamentificio: quando il renzismo va in vacanza

Federica Guidi (Infophoto)Federica Guidi (Infophoto)

Il fine era quello di favorire alcune Bcc toscane contro le linee di politica creditizia ufficialmente sostenute dallo stesso governo. E il sospetto è che tanta attenzione fosse legata all'esigenza di creare un polo bancario locale d'appoggio per la messa in sicurezza finale di Banca Etruria, per la cui bancarotta è indagato il padre del ministro Boschi, a sua volta messa nel mirino da due voti di sfiducia parlamentare. "Non mi dimetterò neppure se indagano mio padre" è stata la linea della Boschi: almeno fino a ieri, quando il cerchio magico renziano è nuovamente emerso come uno strano "emendamentificio".

Un terzo possibile percorso a tema fra i pasticciacci di ieri è tinto di rosa. Boschi, Guidi, Marcegaglia: l'affermazione insistita e ostentata del potere al femminile è stata uno dei tanti brand del renzismo. Ma da ieri il rischio della "contro-narrazione" è palese. Due rampolle di dinastie industriali arruolate dal premier si ritrovano improvvisamente nei panni scomodi delle lobbiste in conflitto d'interessi. La Guidi col suo emendamento molto personale e ben poco ambientalista. La Marcegaglia (erede di un gruppo indebitato e sfiorato più volte dalle inchieste giudiziarie) da presidente dell'Eni si sbraccia per far eleggere a capo degli industriali privati il candidato più gradito al governo (un piccolo imprenditore del Sud cresciuto nei corridoi dall'apparato confindustriale). Sulla Boschi — scaltra praticante nei grandi studi legali fiorentini — le "narrazioni-boomerang" sono troppe e troppo complesse per essere riassunte.

"L'avesse fatto Berlusconi". Anzi, quando Berlusconi lo ha fatto (ad esempio di giocare un po' troppo con l'Eni) i bombardieri francesi hanno raso al suolo la Libia di Gheddafi e lo spread italiano è arrivato a 575. Ma forse le "quote rosa" italiane sfuggite al controllo di un Renzi in scampagnata negli States fanno meno paura.  

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/04/2016 - Domanda (Giuseppe Crippa)

Qualcuno mi saprebbe spiegare per cortesia come mai per tutta la giornata di oggi ogni radio e televisione ha parlato dei problemi del ministro Guidi e del suo compagno (o fidanzato) e mai – come richiesto da tempo da parte della nostra Presidente(ssa) della Camera onorevole(ssa) Boldrini – dei problemi della ministra Guidi e del suo compagno? Grazie!