BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CASO REGENI/ Renzi e il Colle nei guai, Obama si è "sfilato"

Sergio Mattarella con Barack Obama (Infophoto) Sergio Mattarella con Barack Obama (Infophoto)

Come potrebbe reagire Al Sisi? Il timore è che ne possano risentire gli scambi commerciali fra i due paesi, enormemente cresciuti da quando il generale ha preso il potere. Nel 2014 l'interscambio è stato pari a 5,180 miliardi di euro, e vale l'8 per cento dell'export egiziano. Tanti soldi, che potrebbero essere messi almeno in parte a rischio. L'elenco delle imprese italiane che investono in Egitto è lunghissimo: Eni, Edison, Intesa Sanpaolo, Pirelli, Italcementi, Ansaldo e ancora Tecnimont, Danieli, Techint, Cementir sono solo le più importanti, ma ci sono anche tante piccole e medie.

Nessuno — va detto — pensa di poter barattare l'acquiescenza sul caso Regeni con gli affari, ma il rischio di un grande freddo fra Roma e Cairo va messo nel conto, e attentamente soppesato. Un governo serio deve saper trovare maniere efficaci per fare valere le proprie ragioni, calcolando il prezzo della verità, che potrebbe essere molto caro. I precedenti, però, non fanno ben sperare. La vicenda indiana dei marò viene considerata la più simile. Nei limiti del possibile è necessario fare di tutto per evitare che si aggrovigli allo stesso modo. E in questo sforzo il fattore tempo è essenziale. 

Ecco perché la domanda iniziale ("ma voi ce l'avete una exit strategy?") rimane per il momento senza risposta, ma continua a pesare come una spada di Damocle sulla nostra politica estera.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/04/2016 - Con Renzi finirà male (Carlo Cerofolini)

Come andrà a finire? Probabilmente male e cioè un mix, in peggio, fra il caso marò e l'affaire Libia. Exit strategy ma di che? Questo è il renzismo, bellezza!