BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

STEFANO GRAZIANO / Indagato il presidente del Pd Campania per concorso esterno in camorra (oggi, 26 aprile 2016)

Pubblicazione:

Immagini di repertorio (Infophoto)  Immagini di repertorio (Infophoto)

STEFANO GRAZIANO, INDAGATO IL PRESIDENTE DEL PD CAMPANIA PER CONCORSO ESTERNO IN CAMORRA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 26 APRILE 2016) - Ennesimo terremoto nel Pd campano: è indagato Stefano Graziano, il presidente del Pd Campania per concorso esterno in associazione camorristica, come riporta il Corriere della Sera online e le varie agenzie di stampa che stanno arrivando in queste ultime ore. Caos nei dem campani dopo la perquisizione delle abitazioni di Graziano e non solo: i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta e la Guardia di Finanza di Napoli hanno arrestato questa mattina nove persone tra funzionari comunali, faccendieri, imprenditori e professionisti del Casertano, in un’ennesima indagine sul rapporto della Camorra con il potere politico locale. Sono tutti accusati per associazione a delinquere di stampo camorristico, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e altre irregolarità nelle gare di appalto pubblico che avrebbero favorito il clan dei Casalesi (fonte Corriere della Sera). Graziano non è al momento arrestato e dunque andrà chiarito l’intero iter accusatorio per verificarne la reale connivenza con la Camorra o la totale estraneità ai fatti: ci penserà il processo a stabilirlo, ma intanto è il terremoto nel Pd che fa il fragore. Tra gli arrestati presente anche l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Biagio Di Muro: tutta l’indagine prende spunto dall’appalto per i lavori di consolidamento di Palazzo Teti, immobile ubicato in via Roberto D’Angiò confiscato al padre del sindaco Di Muro. Una gara condizionata dalla camorra, è l’accusa della procura: a quanto si apprende dall’Ansa Stefano Graziano sarebbe stato favorito nella elezione dall’appoggio di Alessandro Zagaria, imprenditore arrestato oggi con l’accusa di camorra, sempre nella stessa inchiesta.



© Riproduzione Riservata.