BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

STEFANO GRAZIANO / Indagato il presidente del Pd Campania per concorso esterno in camorra (oggi, 26 aprile 2016)

Stefano Graziano, indagato il presidente del Pd Campania: ipotesi accusa di concorso esterno in camorra. Nove arresti, compreso ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, le ultime notizie

Immagini di repertorio (Infophoto) Immagini di repertorio (Infophoto)

Ennesimo terremoto nel Pd campano: è indagato Stefano Graziano, il presidente del Pd Campania per concorso esterno in associazione camorristica, come riporta il Corriere della Sera online e le varie agenzie di stampa che stanno arrivando in queste ultime ore. Caos nei dem campani dopo la perquisizione delle abitazioni di Graziano e non solo: i carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta e la Guardia di Finanza di Napoli hanno arrestato questa mattina nove persone tra funzionari comunali, faccendieri, imprenditori e professionisti del Casertano, in un’ennesima indagine sul rapporto della Camorra con il potere politico locale. Sono tutti accusati per associazione a delinquere di stampo camorristico, corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e altre irregolarità nelle gare di appalto pubblico che avrebbero favorito il clan dei Casalesi (fonte Corriere della Sera). Graziano non è al momento arrestato e dunque andrà chiarito l’intero iter accusatorio per verificarne la reale connivenza con la Camorra o la totale estraneità ai fatti: ci penserà il processo a stabilirlo, ma intanto è il terremoto nel Pd che fa il fragore. Tra gli arrestati presente anche l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, Biagio Di Muro: tutta l’indagine prende spunto dall’appalto per i lavori di consolidamento di Palazzo Teti, immobile ubicato in via Roberto D’Angiò confiscato al padre del sindaco Di Muro. Una gara condizionata dalla camorra, è l’accusa della procura: a quanto si apprende dall’Ansa Stefano Graziano sarebbe stato favorito nella elezione dall’appoggio di Alessandro Zagaria, imprenditore arrestato oggi con l’accusa di camorra, sempre nella stessa inchiesta.

© Riproduzione Riservata.