BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Finetti: l'Europa regala soldi a Renzi per farsi eleggere, ma l'Italia conta zero

Pubblicazione:

Jean-Claude Juncker (Infophoto)  Jean-Claude Juncker (Infophoto)

“L’Europa concede a Renzi la flessibilità anche se sa che i soldi servono ai bonus elettorali e non a ridurre il debito pubblico, ma in cambio il nostro Paese è costretto a cedere i gioielli di famiglia. Le privatizzazioni del resto finora non sono mai servite a diminuire il debito pubblico, ma ad altro”. E’ l’analisi di Ugo Finetti, analista politico e direttore di Critica Sociale, secondo cui il nostro governo non è riuscito a essere incisivo nelle sue politiche per un errore strategico fondamentale: “Renzi ha pugnalato alle spalle il premier inglese Cameron appoggiando la Merkel sull’elezione di Juncker, il tutto per avere un risultato di immagine come la nomina di Federica Mogherini quale Alto Rappresentante per gli Affari Esteri”.

 

Quali sono i nodi politici che Renzi si trova ad affrontare in questo momento?

Ci sono nodi politici, ma gli attacchi personali sono sbagliati e, anzi, depistano. Renzi è arrogante? E chi non lo sarebbe al suo posto? A 39 anni è diventato capo del più grande partito italiano, capo del governo e ha vinto le elezioni con il 41 per cento. Renzi autoritario? Ma il decisionismo e l’accentramento di potere sono esigenze che le stesse sentenze della Corte costituzionale ormai valutano necessarie e congrue. E la riforma del Titolo V della Costituzione che – per far concorrenza alla Lega di Bossi – varò il governo Prodi delegando poteri alle Regioni e sopprimendo controlli, fu uno sbaglio.

 

Che ne è stato del decentramento?

La democrazia post-’68 – tutta decentramento e partecipazione – è una stagione ormai del passato. Nella globalizzazione con una sfrenata concorrenza basata sulle aree metropolitane più competitive ragionare sulle “acque pugliesi” come pretende Emiliano o sull’autogestione locale di de Magistris dei principali investimenti nazionali non ha senso. Anche a livello europeo, se ci si vuol salvare come Unione, occorre che i governi locali (in questo caso nazionali) debbano cedere sovranità.

 

Su quali temi ritiene che il nostro premier si trovi più impacciato?

I problemi che Renzi ha di fronte e che lo vedono un po’ impacciato sono appunto il decisionismo a livello nazionale e l’integrazione a livello europeo. Renzi ha concentrato su di sé un enorme cumulo di poteri che non ha precedenti nell’Italia repubblicana. A ciò si aggiunge il ricorso ai voti di fiducia (persino su legge elettorale, riforma della Costituzione e diritti civili) e le ampie deleghe al governo a legiferare esautorando il Parlamento come potere legislativo finale.

 

Vada avanti.

Ora il rafforzamento della figura del premier (il presidenzialismo) è una necessità non contestabile. I problemi nascono però dal fatto che il governo non è uno “stato maggiore”, ma sostanzialmente uno staff personale. Renzi cioè deve fare tutto lui senza nemmeno personalità di rilievo che lo assistano. Questo accentramento personale con intorno solo esecutori crea un po’ di affanno e di disordine.

 

Ritiene che ciò sia una conseguenza della rottamazione?


  PAG. SUCC. >


COMMENTI
09/04/2016 - Senza DP di scioglimento del Parlamento Mattarella (VINCENZO DI TOLVE)

Fango su Mattarella? Ve lo avevo detto? "Se Mattarella è Democratico perché non scioglie il Parlamento?". Due sono le cose o combatte questa REPUBBLICA che era fondata sul lavoro, che sempre più dal Nord al Sud i giovani sono senza lavoro e per chi già maturo perdendo il lavoro è fallito ed umiliato da questi Pischelli, sempre più Businessman che Buoni Politici? Confindustria dichiara "sempre più difficile fare Impresa". Perché, è da oggi l'alto costo lavoro, tasse, credito e burocrazia? Non vi pare ridicolo che Bbe ha regalato mld di euro, senza vincolo a chi distribuirli (paletti come definiti dal mio amico lo Statista Bettino Craxi), tanto che alcune Banche hanno derubati i loro clienti? Mattarella da Giurista non ha capito che la Giustizia è diventata una cloaca Giustizialista burocrata&lobbysta e dal 2011, ha distrutta la Politica? Schizzi o secchi se non prende le redini cacciando prof e Senatori a vita deplorevoli? http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2016-04-08/centro-studi-confindustria-sempre-piu-difficile-fare-impresa-italia-151138?fn=swipefeed&id=N_PRPAMAIN/ACTpkj3C&p=9