BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIONI CIVILI/ Sondaggi: Renzi non guadagna voti, Marchini sì

Pubblicazione:giovedì 12 maggio 2016

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

E lasci che festeggi da solo. Anche perché a ottobre due italiani su tre voteranno sì al referendum costituzionale: le ultime rilevazioni danno i sì al 65% e i no al 35%.

 

Per gli italiani quali sono i temi più importanti di cui si dovrebbe occupare la politica?

La priorità è una sola: la pagnotta, o in altri termini la ricchezza. E al secondo posto ci sono i divertimenti. I latini dicevano “panem et circenses”, e noi oggi siamo esattamente come i sudditi di Nerone: nel corso dei millenni non è cambiato nulla. Questi sono i bisogni primari, solo che in questo momento al posto del circo c’è la televisione.

 

Se si votasse domani per la Camera chi vincerebbe?

In questo momento il Pd è al 31,5%, M5s al 26,5%, la Lega nord al 13,5%, Forza Italia al 12%, i Fratelli d’Italia al 5%, Sinistra Italiana al 3,5% e Ncd/Udc al 2,5%. L’unico partito a guadagnare consensi rispetto alla settimana precedente è la Lega (+0,5%), mentre tutti gli altri rimangono invariati.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
12/05/2016 - teniamola (Claudio Baleani)

La legge fa mentalità. E' vero. Ma in questo caso la mentalità già c'è. Io direi quasi quasi di tenercela la legge per un buon motivo. In base a questa legge il convivente, purché non occasionale, qualora ci ripensasse e se volesse andare, può essere condannato a mantenere il partner anche senza aver firmato l'unione civile. Così imparano a vivere e a non fidarsi di quelli che vendono la pietra filosofale che ti evita il rischio di vivere.

 
12/05/2016 - Troppo ottimista (Luigi PATRINI)

Non sarei così ottimista sul futuro della famiglia. Purtroppo le leggi fanno costume e la strada per lo sfascio della famiglia è avviato. In modo irreversibile? Forse no, se Dio interviene a toccare i cuori. La colpa e la responsabilità di Renzi è davvero grande, ma anche quella di coloro che lo hanno educato (!) o gli sono andati dietro: distruggere è facile, creare macerie è facilissimo, ma ricostruire è dura fatica. La Chiesa insista a ricordarci che ci sono tanti, tantissimi peccati di omissione! Forse sono i più gravi e pericolosi, perché non ci si accorge della loro gravità sugli effetti nei tempi lunghi. Dio abbia misericordia della nostra fragile umanità!

 
12/05/2016 - Qualcosa di sinistra?!? (Villi Demaldè)

Pare ormai che la sinistra di governo, per fare (o dire, come implorava Nanni Moretti: "D'Alema, di' una cosa di sinistra!") qualcosa che abbia appunto una parvenza "di sinistra", non riesca a trovare di meglio che imporre al Parlamento e al Paese provvedimenti come la Cirinnà. Alla situazione delle famiglie, dei servizi essenziali - dalla scuola, alla sanità, ai trasporti, alle pensioni -, della gente "gente", insomma, per non parlare del mondo delle imprese (quelle medio-piccole che sono la spina dorsale dell'Italia) chi ci pensa?