BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ELEZIONI COMUNALI/ Feltri: se a Roma vince la Raggi, ci liberiamo di M5s una volta per tutte

Pubblicazione:martedì 17 maggio 2016

Federico Pizzarotti Federico Pizzarotti

A Roma non ha alcuna chance perché manca del tutto un’organizzazione. Berlusconi ha commesso l’errore di scegliere Bertolaso, poi ha cambiato idea e ha indicato Marchini troppo tardi. A Milano invece ci sono molte probabilità che Parisi possa spuntarla, soprattutto perché Sala ha commesso una serie di errori che ne hanno offuscato l’immagine e la reputazione.

 

Nel frattempo Berlusconi ha ancora una visione politica oppure no?

Berlusconi è stordito già da circa un paio d’anni. Le vicende giudiziarie e quelle personali, anche sessuali, lo hanno definitivamente messo sul piano del ridicolo. Lui se ne rende conto e ogni volta che deve fare una scelta è diventato bravissimo a sbagliarla. Questo non solo in politica: abbiamo visto anche nel calcio che disastri ha combinato. Quindi la mia impressione è che arrivato a 80 anni abbia smarrito la bussola e non sia più all’altezza del Berlusconi che negli anni 90 aveva destato tante speranze. Io che lo conosco da molti anni sono letteralmente basito dal suo comportamento così poco lucido.

 

Dopo il caso Pizzarotti, lei come interpreta la crisi in atto in M5s?

Chi guida M5s non ha chiaro un fatto: il movimento si è dato un codice di comportamento, ma il codice penale e quello civile vengono prima. I leader dei Cinque Stelle fanno confusione un po’ come gli islamisti, secondo cui le norme del Corano prevalgono sulla legge. Questo non va bene. Inoltre i Cinque Stelle si sono anche resi conto di essere poco coerenti. Se è vero come dicono che una persona raggiunta da un avviso di garanzia deve andare a casa, allora dovrebbero andare a casa tutti mentre in realtà non è stato così.

 

Lei come voterà al referendum costituzionale?

Io voterà sicuramente sì, perché come si diceva un tempo a Milano, piuttosto che niente è meglio piuttosto. In Italia si parla di riforme da 40-50 anni, io ho 73 anni e si immagini quante ne ho viste. Nel nostro Paese sono tutti riformisti ma non hanno mai fatto una riforma. Renzi ne ha fatta una brutta e insufficiente, ma almeno ha fatto una riforma. Meglio poco che niente...

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.