BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Ballottaggi 2016 / Sondaggi: la Raggi e de Magistris possono ancora perdere

Per CARLO BUTTARONI, tra il primo e il secondo turno si riparte completamente da zero, e anche candidati che avevano fatto molto bene come Raggi e de Magistris possono uscire sconfitti 

Luigi de Magistris (Infophoto) Luigi de Magistris (Infophoto)

“Tra il primo e il secondo turno si riparte completamente da zero, e anche candidati che avevano fatto molto bene come Virginia Raggi e Luigi de Magistris possono uscire sconfitti. La partita ricomincia perché il tavolo a gioco è un altro”. Lo evidenzia Carlo Buttaroni, sociologo e politologo, nonché presidente di Tecnè. Per l’esperto di sondaggi, “molti cittadini che nel 2013 hanno votato per M5s in realtà appartengono a un elettorato di centrodestra. Anche per questo motivo è possibile che al ballottaggio si verifichi un travaso di consensi tra M5s e centrodestra”.

Dopo il primo turno, al ballottaggio i due candidati ripartono da zero?

C’è un capitale che è stato misurato nel primo turno, ma come tipo di elezione il ballottaggio è tutt’altra cosa. Di fatto quindi si riparte da zero perché il tavolo da gioco è un altro.

Uno che al primo turno ha votato per la Raggi, al secondo potrebbe decidere di votare per Giachetti?

No, ma potrebbe decidere di non andare a votare. Ci sono stati molti casi in cui al secondo turno il sindaco ha preso meno voti che al primo, e questo fatto può dipendere da una serie svariata di motivi. Questa è stata un’elezione con una scarsa carica motivazionale, e chi si è sentito in dovere di andare a votare al primo turno non è detto che lo faccia anche al secondo. Di fatto quindi è proprio una nuova elezione.

Ma quindi il risultato potrebbe rovesciarsi anche in città dove il distacco è molto netto come a Roma, Bologna o Napoli?

Sì, non c’è nessuna ipoteca, tra il primo e il secondo turno può succedere di tutto. D’altra parte da quando c’è l’elezione diretta la storia ci ha insegnato proprio questo: ci sono sindaci che al secondo turno hanno perso, dopo che al primo avevano preso il 49,9%.

Salvini ha detto che voterebbe per i candidati di M5s a Roma e Torino. Quanto sposta questa presa di posizione?

Di fatto più che spostare voti Salvini dà un via libera: “Potete votare per Raggi e Appendino”. L’elettore leghista si sente più libero nell’andare a votare per un candidato piuttosto che per l’altro.

Sono tanti gli elettori del centrodestra che voteranno per Raggi o Appendino?

Sì, soprattutto a Torino l’Appendino è sicuramente un’opzione possibile per gli elettori di centrodestra.

Gli elettori di M5s ricambieranno il favore a Milano, Bologna e Napoli?