BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

BALLOTTAGGIO MILANO 2016/ Salvini: Parisi leader? Pensi a fare il sindaco, che è già tanto

Matteo Salvini (Infophoto)Matteo Salvini (Infophoto)

Noi lavoriamo per stare tutti insieme. Spesso e volentieri sono gli altri partiti del centrodestra che pensano di potere andare da soli, ma non vanno da nessuna parte. L’esempio di Roma lo documenta. Noi fino all’ultimo abbiamo provato ad andare tutti insieme, e oggi al ballottaggio ci saremmo noi con la Meloni. Forza Italia ha scelto di suicidarsi, e speriamo che sia l’ultima volta.

 

L’Italicum prevede il premio di lista. E’ possibile una lista unica nazionale Lega nord-Forza Italia?

Se votassimo domani mattina è chiaro che il centrodestra dovrebbe avere una lista unica a livello nazionale.

 

Che cosa si aspetta da Silvio Berlusconi?

A Silvio Berlusconi auguro una pronta guarigione.

 

E a livello politico?

Mi aspetto che Forza Italia ci aiuti ad andare avanti, mollando certi arnesi del passato come Mastella e qualche altro compagno di viaggio che non rappresentano certo il futuro.

 

Se Parisi vince a Milano, potrà avere un ruolo nazionale?

Se Parisi vince a Milano, cosa che mi auguro, fa il sindaco per cinque anni. Giustamente lui vuole assessori a tempo pieno, e a maggior ragione il sindaco deve svolgere il suo ruolo a tempo pieno. Il suo perimetro quindi è quello milanese, né più né meno, che è già tantissimo.

 

Il centrodestra è in stallo. Lei sarebbe disposto ad “ammorbidirsi” per favorire l’unità?

Noi abbiamo fatto di tutto e Milano ne è l’esempio. Abbiamo dato l’ok a una coalizione che comprende di tutto e di più, e che ovviamente a livello politico nazionale non sarebbe ripetibile, perché un governo con Alfano noi non lo facciamo.

 

Al di là dell’alleanza, sui contenuti politici lei è disposto ad avere una linea meno intransigente?


COMMENTI
18/06/2016 - Bella intervista (ALBERTO DELLISANTI)

Interessante, e senza per questo fare uno spot in zona Cesarini, né a Parisi, né a Salvini.