BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

GUAI A 5 STELLE/ Cosa succede se Di Maio vuol fare il premier ma Raggi dice no?

Beppe Grillo Beppe Grillo

Ci saranno sicuramente dei conflitti di personalità. La Raggi per esempio ruba la scena alle due “reginette” romane del movimento, Paola Taverna e Roberta Lombardi, nonché ai due “galletti” del direttorio, Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio. Lo si è visto domenica sera, quando Di Maio ha subito precisato che il significato della vittoria di Roma è che lui sarà il prossimo candidato premier. Sicuramente questi conflitti emergeranno con il passare del tempo, anche se questi personaggi sono abbastanza furbi da nascondere le loro ambizioni.

 

Adesso la Raggi e la Appendino potranno alzare la posta e decidere in modo autonomo?

Loro decideranno nelle questioni locali di Roma e Torino. D’altra parte l’Appendino ha rifiutato di avere uno staff di “badanti”, che invece la Raggi si è impegnata ad accettare addirittura in forma scritta. Il neo-sindaco di Roma ha quindi questa équipe composta da quattro esponenti tra cui la Taverna e la Lombardi. Ora potrebbero esserci degli screzi all’interno, ma dopo che ha ottenuto il 67,2% dei voti, di più dello stesso Luigi de Magistris, ormai la Raggi si è emancipata da ogni controllo della Casaleggio, degli staff e dei direttori.

 

Beppe Grillo ha commentato: “Ora voliamo alto verso il governo nazionale”. M5s è davvero pronto per governare l’Italia?

No, non è assolutamente pronto e sarebbe un dramma se dovesse andare al governo. Anche la scelta degli assessori a Roma ha dimostrato che purtroppo il personale politico di M5s è di livello molto basso. Come assessore allo Sport hanno individuato per esempio Andrea Lo Cicero, un ex giocatore di rugby... La forza del movimento sta nella debolezza degli altri partiti e nell’acquiescenza dei media. I Cinque Stelle continuano a parlare dell’ostracismo di stampa e tv, mentre questo non è assolutamente vero.

 

In che senso parla di acquiescenza dei media verso i Cinque Stelle?

I Cinque Stelle ricevono un trattamento di favore da parte dei talk show. Per esempio riescono a evitare tutti i contraddittori, soprattutto con giornalisti scomodi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.