BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITALIA VERSO IL CROLLO/ E' tutto scritto nella crisi asiatica '97-'98

Pubblicazione:lunedì 27 giugno 2016

Matteo Renzi (Infophoto) Matteo Renzi (Infophoto)

Se l'unione politica non si materializzasse, tanto più l'Italia ha bisogno di un governo di unità nazionale.

Lo scenario in mancanza di queste misure è semplice. Il crollo della sterlina inglese comincerà a trainare con sé anche l'euro, i tassi di interesse dei vari paesi aumenteranno, la forbice tra interessi italiani e tedeschi si allargherà. Gli alti tassi italiani metteranno fuori gioco prima le sue banche poi lo stato, l'Italia crollerà e trascinerà con sé il continente. È per prevenire questo scenario che Germania e Francia devono annunciare presto un'unione politica e il cancelliere tedesco Angela Merkel deve assolvere al suo destino di essere una specie di nuova Maria Teresa d'Austria.

Dopodiché la speranza è che la Gran Bretagna ritorni nell'Unione e prenda la guida dell'Unione. Dopo la fine della guerra dei 100 anni, mezzo millennio fa, l'Inghilterra si è mossa sempre per unificare il dominio delle sue isole e mantenere il continente diviso. Oggi se Londra non torna in Europa e decide di contribuire a guidarla, non solo l'Europa potrebbe unirsi contro la Gran Bretagna, ma come è chiaro in queste ore, anche la Gran Bretagna tornerebbe a spaccarsi.

Naturalmente quando si parla di futuro non c'è sicurezza. Ma una cosa è sicura: un terremoto epocale è arrivato. Ogni ora di ritardo all'azione porta morti in più per le strade, l'esperienza asiatica di 20 anni fa lo prova.

In Italia che Renzi si muova; o, per favore, presidente Napolitano o presidente Mattarella fatelo voi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.