BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SILVIO BERLUSCONI RICOVERATO / Scompenso cardiaco e condizioni di salute: avvocato Ghedini, “sta benissimo” (ultime notizie oggi, 8 giugno 2016)

Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele di Milano: in ospedale l'ex premier per alcuni problemi al cuore e di stress, sottoposto ad esami dovra rimanere alcuni giorni. Ultime condizioni

Silvio Berlusconi (Infophoto) Silvio Berlusconi (Infophoto)

Le condizioni di Silvio Berlusconi non destano problemi e da tutta la giornata gli unici bollettini usciti sono quelli della mattina in cui il dottor Zangrillo assicurava su un quadro clinico molto buono, ma che ci sono ancora una serie di accertamenti da effettuare in questi giorni. È andato a trovarlo e vi è rimasto due ore fino a mezzogiorno, anche il suo legale storico, Niccolò Ghedini, protagonista di numerosi processo che vedevano coinvolto Silvio Berlusconi: «sta benissimo», ha risposto brevemente lo stesso Ghedini fuori dall’ospedale milanese del San Raffaele dove da ieri mattina è stato ricoverato per uno scompenso cardiaco, lo ricordiamo, l’ex premier e leader di Forza Italia. I cronisti sono asserragliati lì davanti da ormai 36 ore ma le notizie sulle condizioni di Berlusconi scarseggiano, anche se le poche che filtrano parlano come potete leggere di un buon e tranquillo stato di salute.

Dopo il primo bollettino di questa mattina sulle condizioni di salute di Silvio Berlusconi, è uscito anche la nota del medico personale professor Zangrillo, che da sempre cura da vicino le vicende mediche dell’ex Cavaliere. Berlusconi è seguito costantemente dal suo medico che è anche direttore dell’Anestesia e Rianimazione del San Raffaele di Milano dove ora Silvio è ricoverato, ma anche da una ricca equipe di medici. Zangrillo firma dunque l’ultimo bollettino in cui dice, come riportata Repubblica, come «si conferma che il quadro clinico generale è bono e che stanno procedendo positivamente glia accertamenti clinico-diagnostici programmai». Nei prossimi giorni si saprà anche fino a quando dovrà restare in ospedale in un momento critico per i suoi impegni politici, con le campagne elettorali verso i ballottaggi delle Amministrative che vedono Parisi e Lettieri candidati sostenuti proprio da Berlusconi e che attendono indicazioni sulla presenza o meno dell’ex premier.

Sono usciti i primi dati su come è andata la notte per Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele per uno scompenso cardiaco e per alcuni problemi di stress al cuore: le sue condizioni di salute restano non preoccupanti ma sono comunque in corso alcuni altri esami per cercare di evidenziare le cause di questo scompenso. L’ultimo bollettino arrivata sul sito di TgCom24 dove si racconta che l’ex premier ha passato una notte tranquilla e ora sono in corso altri accertamenti ed esami che erano tutti programmati, ricordano sul sito di Mediaset, e sono iniziati questa mattina alle 8 in punto. Forza Italia intanto conferma quando riferito anche ieri, in una nota: «Berlusconi non ha avuto alcun malore nei giorni precedenti al ricovero, i sintomi che ha avuto hanno portato i medici a consigliare una degenza di qualche giorno per fare i dovuti accertamenti».

Silvio Berlusconi ha passato la prima notte in ospedale e al momento non ci son grosse novità sulle sue condizioni di salute che sembrano comunque buone dopo il ricovero ieri per uno scompenso cardiaco che aveva allarmato un po’ tutti. La carovana di persone, amici e parenti che sono andati a trovarlo sono tanti: tra questi non c’è stato il candidato di Milano per il centrodestra, Stefano Parisi che però ha voluto inviare un affettuoso saluto al Cavaliere augurandogli una pronta guarigione anche per poter partecipare alla campagna elettorale finale per il ballottaggio di Milano. «Niente di grave, ma tantissimi auguri, poi ci vedremo nel weekend», il messaggio inviato. A Repubblica poi sempre Parisi confida, «ieri mi ha chiamato per dirmi che oggi sarebbe stat ricoverato, ma tutti a posto».

Ha destato non poca preoccupazione il malore che ha colpito nelle scorse ore Silvio Berlusconi, provocando molti dubbi negli italiani per le sue reali condizioni di salute. Il ricovero è avvenuto in seguito ad un malessere accusato la sera di due giorni fa, ma secondo le ultime notizie sulla sua salute attribuite dai media sia a medici che familiari, Silvio Berlusconi non desterebbe preoccupazioni. Una conferma del rientrato allarme viene fornita dal figlio Pier Silvio Berlusconi che è andato a far visita all'ex premier e che, come riporta La Stampa, ha racchiuso tutto in un conciso "bene, bene". Nella giornata di ieri Silvio Berlusconi è stato raggiunto anche dalle figlie Marina e Barbara, preferendo tuttavia non rilasciare alcuna dichiarazione ai giornalisti. Si cercano ancora le cause, riferisce Il Corriere della Sera, che hanno provocato il malessere, nonostante il leader di Forza Italia soffra da tempo di aritmie cardiache. Fra i sospetti non solo la fase decisiva che attraversa la sua squadra in questi giorni, ma anche le elezioni amministrative che si sono svolte domenica. Se da una parte tuttavia il mondo politico sembrava volgere a favore del suo partito, dall'altra il pressing costante subito dalla corte fatta per l'acquisto del Milan potrebbe aver provocato un ulteriore stress. Sarebbe quindi questa in realtà la scelta di tenere Berlusconi ricoverato al San Raffaele di Milano, ipotesi supportata dal fatto che il Cavaliere ha raggiunto la struttura in totale autonomia.

Non è certo la prima volta che Silvio Berlusconi accusa qualche malore ed è costretto al ricovero: gli anni passano per tutti e anche per il sempre in forma ex Cavaliere, ogni tanto il segno dell’età si fa sentire. Come riporta l’Ansa, era già successo un malore, ma questa volta in pubblico, per Berlusconi durante la Convention di Forza Italia a Milano nel 200, mentre poi nel 2006 venne ricoverato per un intervento estetico, il trapianto di capelli. Sempre in quell’anno, ebbe un malore durante il comizio di Montecatini e venne soccorso direttamente sul palco dal suo medico Scapagnini. Dopo quattro anni, nel 2010 fu costretto al ricovero dopo essere stato colpito al volto durante un comizio milanese: l’”annus horribilis” arriva però del 2013 quando viene operato per l’uveite agli occhi, per un piccolo svenimento durante la campagna elettorale a Roma e per un altro malore che lo costrinse al San Raffaele per una settimana, proprio come questa volta.

Sono vari i messaggi di auguri e di pronta guarigione indirizzati a Silvio Berlusconi, ricoverato oggi all’ospedale San Raffaele di Milano per uno scompenso cardiaco. Le sue condizioni di salute sono peggiorate negli ultimi giorni e dunque il Cavaliere dovrà sottoporsi ad alcuni controlli anche nei prossimi giorni. Silvio Berlusconi resterà in ospedale per alcuni giorni. Il candidato del Centrodestra alle elezioni comunali 2016 a Milano Stefano Parisi, gli ha fatto gli auguri, dichiarando, come riferisce il quotidiano online ItaliachiamaItalia: "Ieri mi ha chiamato per dirmi che oggi sarebbe stato ricoverato. Niente di grave, ma tantissimi auguri, poi ci vedremo nel weekend". Parisi è stato protagonista domenica scorsa del primo turno del voto amministrativo nel capoluogo lombardo ed è arrivato secondo nella corsa alla poltrona di primo cittadino. Domenica 19 giugno andrà al ballottaggio con Giuseppe Sala, candidato del Centrosinistra, che al primo turno è arrivato primo.

Non è in pericolo di vita, questo almeno il responso su Silvio Berlusconi dopo il ricovero questa mattina in seguito ad un leggero malore e scompenso cardiaco: in tanti però tra politici, amici e tifosi rossoneri hanno rivolto parole di vicinanza all’ex premier e Cavaliere, ora all’ospedale San Raffaele. «vogliamo fare gli auguri al presidente Berlusconi di una pronta guarigione. Gli siamo vicino con l’affetto e la stima che da sempre ci legano», sono le parole dell’ex azzurro Maurizio Lupi durante una conferenza stampa in cui questa mattina ha commentato i risultati delle Amministrative. Sono anche altri gli ex compagni di partito che si sono dimostrati vicini a Silvio, dal capigruppo di Area Popolare Renato Schifani fino a Barbara Saltamartini ora passata alla Lega. Marchini, dopo la conferenza stampa di oggi (qui sotto tutte le dichiarazioni), ha aggiunto anche ai cronisti che “Berlusconi l’ho sentito molto in palla”.

Parla anche Alfio Marchini oggi, dopo la notizia di Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele per uno scompenso cardiaco: il candidato alle elezioni di Roma che ha perso la sfida non riuscendo a conquistare il ballottaggio, ha tenuto una conferenza stampa in mattinata dove ha parlato della figura e vicinanza di Berlusconi, ovviamente con riferimento anche all’episodio sulle condizioni di salute in difficoltà per l’ex Cavaliere. «Ho parlato stamattina con Berlusconi, gli ho detto in bocca al lupo. In tutta questa vicenda Berlusconi ha dimostrato grande generosità». Poi gli rivolge anche una dedica speciale per l’appoggio politico ricevuto nelle corsa alle Amministrative: «fare un’alleanza + ovvio, ha creato confusione nel nostro elettorato ma tatticamente ha rotto un fronte. È ovvio ed evidente che c’è una linea comune con Napoli e Milano. La proposta politica deve andare oltre ai vecchi partiti». Appena si riprenderà dopo gli accertamenti, sicuramente l’ex première dovrà tornare sulla scena politica in attesa dei ballottaggi di domenica 19 e sulle note vicende di cessione del suo Milan.

Dopo lo spavento di questa mattina per Silvio Berlusconi - ricoverato al San Raffaele per uno scompenso cardiaco - prima il medico con il bollettino e poi anche da Forza Italia, è tutto un tranquillizzare sulle sue condizioni di salute. “Non sono gravi, è in ospedale per alcuni accertamenti previsti”, dice il professor Zangrillo, suo medico personale, e ora arrivano anche le parole rilasciate a Repubblica dalla sede di Forza Italia. «Il ricovero era previsto, i suoi medici hanno deciso di sottoporlo ad una serie di accertamenti diagnostici a causa di un lieve malore accusato domenica sera. Nulla di serio o di preoccupante e per il momento non sono previsti interventi chirurgici», assicura il suo partito. Per l’ex premier le condizioni dunque sono stabili e tranquille e non ci sono al momento problemi ulteriori.

È fuori pericolo Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele per accertamenti al cuore dopo uno scompenso cardiaco: ha parlato alla stampa il professore e medico personale del Cavaliere, Alberto Zangrillo, che ha rilasciato un bollettino medico congiunto con l’ospedale. «È stato un episodio di scompenso cardiaco che ha reso necessario il ricovero del presidente Silvio Berlusconi presso l’ospedale San Raffaele di Milano. La definizione diagnostica e le strategie terapeutiche saranno affrontate nei prossimi giorni». Per Berlusconi dopo il lungo periodo di campagna elettorale, probabilmente il fattore stress a 79 anni ha pesato forse sulla sua condizione di salute. Ora riposo e accertamenti in ospedale a Milano e nelle prossime ore gli eventuali aggiornamenti e commenti sulla sua situazione che comunque rimane non grave.

Silvio Berlusconi è ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano per uno scompenso cardiaco che negli ultimi giorni ha peggiorato le sue condizioni: non è in pericolo di vita, va subito detto, ma è semplicemente stato ricoverato per alcuni controlli e dovrà sottoporsi a terapie ed esami anche nei prossimi giorni. Per questo motivo rimarrà in ospedale per alcuni giorni in modo che lo stress accumulato - sembra questa la causa di questo scompenso cardiaco - possa essere curato e rimesso in forze per i suoi tanti impegni politici, lavorativi e anche sportivi, in un momento in cui è vicina la cessione del Milan, squadra di cui è lo storico presidente. Solo due giorni fa Berlusconi era stato immortalato con tanto di fidanzata, Francesca Pascale, alle urne a Roma per le elezioni amministrative: evidentemente il periodo intenso, tra campagna elettorale in giro per l’Italia e vicende societarie rossonere, ha complicato una salute non perfetta. Per Silvio Berlusconi, ora ricoverato, si prospetta un periodo di riposo per rimettersi in sesto al modo giusto per tutti i nuovi appuntamenti dei prossimi mesi.

© Riproduzione Riservata.