BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPILLO/ Chi "ha fatto" Renzi ora minaccia di distruggerlo

Oltre che con il risultato delle Amministrative 2016, Matteo Renzi deve fare i conti con una sentenza della Corte Costituzionale decisamente scomoda. Ce ne parla SERGIO LUCIANO

Infophoto Infophoto

Alla Consulta non lo amano. Dopo la batosta sul blocco dell'adeguamento delle pensioni, che indusse Renzi a riscrivere la norma ammorbidendola con una modifica a sua volta oggi nel mirino di una valanga di ricorsi, la Corte costituzionale - con una sentenza depositata il 6 giugno - ha sferrato una nuova mazzata sui conti pubblici, bocciando una manovra del governo Monti che tagliava di ben 7,2 miliardi i trasferimenti dallo Stato agli enti locali. E lanciando quindi un'altra patata bollentissima sulla scrivania del nuovo inquilino di palazzo Chigi, che dovrà ora correre ai ripari.

In poche righe il concetto-chiave dell'ennesima bega tra diritto costituzionale e prassi di governo: la Consulta ha bocciato la norma di Monti contestandone la definizione unilaterale, cioè senza il concerto preventivo con gli enti-bersaglio e stroncando anche nel merito le modalità seguite dal governo del Professore per calcolare l'entità dei tagli, modalità che per gli Ermellini sono, se non strettamente illegittime, certo da correggere, ancora, con la preventiva condivisione delle nuove regole con i Comuni vittima dei tagli, il che non è stato fatto.

È la Costituzione, bellezza, e i principi che i Magistrati supremi considerano violati non rientrano neanche tra i tanti di cui il referendum confermativo di ottobre dovrebbe ratificare l'abolizione o il cambiamento. La norma va rifatta e bene, e quanto prima: o altrimenti i 7,2 miliardi che Monti voleva risparmiare torneranno sul già piegato groppone della spesa pubblica...

Non vi è un nesso logico né funzionale tra le due cose, eppure questa ulteriore grana economica si salda concettualmente con la crisi che il primo turno delle amministrative ha rivelato nel rapporto più delicato che un leader di governo possa affrontare: quello con gli enti locali e, più in generale, con i territori.

È un tema sdrucciolevole, per Renzi: in assoluta controtendenza - peraltro - con la storia del partito che esprime oggi in lui il proprio vertice, cioè il Pd. Tradizionalmente, il Pd - e prima di esso i Ds e prima ancora il Pds e prima ancora il Pc - viveva il suo "centralismo democratico" come una liturgia democratica che saldava il centro con la periferia. In concreto, a comandare era sempre Botteghe Oscure, senza se e senza ma. Però lo faceva rispettando rituali di dibattito e condivisione delle scelte tra la segreteria nazionale e quelle locali che sembravano obsoleti, ma erano in realtà ancora molto apprezzati...

Oggi, nell'impaziente dna del giovane premier non c'è la categoria mentale della concertazione, del negoziato. C'è la categoria mentale del "fare, e poi si vede". E c'è la visibile, e anzi dichiarata, insofferenza per quei "corpi intermedi" che inizialmente erano soltanto le associazioni di categoria, i sindacati, le camere di commercio, le banche popolari, ma oggi si sono rivelate essere anche le sezioni locali del partito, con la loro piccola o grande capacità di selezionare il personale politico e sostenerlo nelle sfide elettorali.


COMMENTI
09/06/2016 - commento (francesco taddei)

i sindaci che difendono l'autonomia di spesa difendono le mazzette, il debito e le tasse. senza se e senza ma.