BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Folli: Italicum, serve un nuovo patto Renzi-Berlusconi

Pubblicazione:giovedì 21 luglio 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 30 settembre 2016, 14.55

Matteo Renzi (LaPresse) Matteo Renzi (LaPresse)

Stando a quello che sento dire si finirà per modificarlo dopo il referendum, ma a Renzi converrebbe invece cambiarlo prima. Ecco perché, come ha detto anche Napolitano, dovrebbe essere il premier a prendere l’iniziativa. Dimenticandosi il fatto che aveva chiesto la fiducia sull’Italicum, Renzi dovrebbe riconoscere che è emersa una diversa sensibilità, e quindi mettere in campo un’iniziativa del governo per correggere l’Italicum. Sta sempre a Renzi indicare quale sia la proposta da attuare.

 

Se Renzi seguisse questa strada che cosa accadrebbe?

A queste condizioni si potrebbe trovare un accordo prima del referendum. Se invece ci si limita a dire che il problema è demandato al Parlamento si rischia di non fare nulla, perché non c’è abbastanza massa critica per cambiare l’Italicum. Ci sono mille idee, mille proposte, mille soluzioni, ma alla fine non si cava un ragno dal buco.

 

Quali partiti possono cambiare l’Italicum?

Fondamentalmente Pd e Forza Italia. E’ chiaro che i Cinque Stelle metteranno il bastone tra le ruote, mentre i partiti più piccoli decideranno se aggregarsi o meno.

 

A Berlusconi conviene aiutare Renzi a cambiare la legge elettorale?

A Berlusconi conviene uscire rinforzato da questo passaggio. E’ chiaro che per certi aspetti gli converrebbe attendere il risultato del referendum. D’altra parte la possibilità di ritornare a essere partner del governo anche prima del referendum per Berlusconi potrebbe essere una strada molto attraente. Accetterebbe però solo di fronte a una forte iniziativa di Renzi che lo chiama e gli espone la sua idea per modificare l’Italicum.

 

Secondo lei qual è il sistema migliore?

Il doppio turno alla francese è un terreno sul quale i partiti che hanno una classe dirigente potrebbero giocarsi la loro partita contro M5s, che spesso dimostra di esserne privo. Questo sistema consentirebbe alla stessa Forza Italia di riacquistare smalto, anche se penso che Berlusconi non farà nulla fino al referendum a meno che si creino le condizioni adeguate. Per Renzi vorrebbe dire venire a patti, dopo avere dichiarato che l’Italicum è intoccabile, ma se Berlusconi diventasse il partner per modificarlo sarebbe un successo.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.