BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAOS PD/ Corsini: una fase del renzismo è giunta al capolinea

Pubblicazione:sabato 9 luglio 2016

LaPresse LaPresse

Non intendo dire assolutamente questo: sono ben consapevole che Renzi costituisce una presenza di grandissimo rilievo all’interno del Pd. Il problema oggi è il cambiamento di rotta, e non il cambiamento di Renzi. La questione non è togliere di mezzo Renzi, come se fosse un corpo estraneo alla vicenda del Pd, bensì consentire alla nave di cambiare rotta collocandola lungo una traiettoria di centrosinistra. Da tempo invece il Pd ha intrapreso una deriva neocentrista.

 

In concreto che cosa si deve fare?

Occorre riaprire un confronto con interlocutori che sono espressione di reti associative e di mondi vitali, superando la sindrome del fare tutto da soli. Bisognerà inoltre pensare a interventi di tipo redistributivo, avendo ben individuato la gerarchia della rilevanza dei problemi di ceti sociali che vanno tutelati e garantiti. E’ questa la scommessa che si dovrà affrontare con la legge di bilancio.

 

Ritiene che vada individuato un nuovo segretario che si occupi del partito a tempo pieno?

Questa è una diagnosi che personalmente condivido. Naturalmente non basta la divisione del lavoro, ma occorrono anche un progetto e una sintonia. La divisione dei ruoli è una conseguenza del fatto che si definisca prima un progetto condiviso. Per il momento chi come me ha una posizione critica nei confronti di Renzi, non ne fa un problema di pedine da muovere sulla scacchiera o di posti da rivendicare.

 

Qual è la vera questione?

La questione è quale partito per quale Paese: è questo che va chiarito e che il Congresso del Pd dovrà affrontare e risolvere. Va cioè definita un’identità di partito funzionale a un progetto di Paese.

 

Lei come vedrebbe Dario Franceschini nel ruolo di segretario?

E’ un’ipotesi assolutamente da fantascienza degli aruspici della politica.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.