BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGI POLITICI 2016 / News elettorali, intenzioni di voto: governo M5s? “Non cambierebbe nulla” (oggi, 13 settembre)

Pubblicazione:martedì 13 settembre 2016 - Ultimo aggiornamento:martedì 13 settembre 2016, 10.29

Sondaggi Politici Elettorali 2016 (Foto: LaPresse) Sondaggi Politici Elettorali 2016 (Foto: LaPresse)

SONDAGGI ELETTORALI POLITICI 2016, NEWS: INTENZIONI DI VOTO E SITUAZIONE POLITICA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 13 SETTEMBRE). PER GLI ITALIANI "NON CAMBIEREBBE NULLA" CON UN GOVERNO M5S - Movimento 5 Stelle alle prese con la prova dell'amministrazione di Roma ma, stando agli ultimi sondaggi politici 2016, che cosa pensano gli italiani di un possibile governo nazionale? Gli ultimi sondaggi politici 2016 di Eumetra Monterosa s.r.l., realizzati per Il Giornale, indicano che cosa si aspettano gli italiani per le prossime elezioni politiche. E su questo il M5s non sembra ottenere buoni risultati. Al campione di elettori è stato infatti chiesto: Nel 2018 si svolgeranno le elezioni politiche e il Movimento 5 Stelle ad oggi è dato dai sondaggi come favorito. Se il Movimento 5 Stelle andasse al Governo che cosa accadrebbe? E per il 47% degli italiani "non cambierebbe nulla rispetto ad oggi: sono tutti uguali". "Sarebbe una cosa positiva perché ci sarebbe un rinnovamento nei governanti" per il 25% mentre per il 28% "sarebbe una cosa negativa perché i 5 stelle non sono in grado di governare".

SONDAGGI ELETTORALI POLITICI 2016, NEWS: INTENZIONI DI VOTO E SITUAZIONE POLITICA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 13 SETTEMBRE). PD PRIMO PARTITO ALLA CAMERA - Riparte la politica, si moltiplicano i sondaggi politici elettorali di questa fine estate-inizio autunno e il periodo molto caldo per l’intera situazione nazionale offre notevole spunti di discussione. Oggi partiamo dai dati dei sondaggi politici pubblicati da Demos & PI e Demetra per conto di Repubblica, dove scorgiamo come il Movimento 5 Stelle in questi giorni di caos della giunta Raggi a Roma deve cedere il passo e accusare il colpo. Alla Camera infatti, in questo momento, gli elettori intervistati porrebbero la scelta per la maggioranza sul Pd, nonostante le fratture e i problemi di Renzi di tenere compattata una maggioranza sull’orlo della crisi di nervi pre-referendum. I dem prenderebbero infatti ad oggi il 32,1% dei voti, mentre il M5s non va oltre il 28,8% calando di tre punti dal precedente sondaggio Demetra: i guai del Direttorio pesano più della gestione di Virginia Raggi anche se al momento non registrano un calo vertiginoso, come invece sembra aver ormai colpito irrimediabilmente la Lega nord e in generale tutto il centro-destra. Il partito di Salvini ottiene infatti un basso 10,2%, addirittura dietro a Forza Italia ferma all’11%. Abisso tra i due veri partiti del Paese in questo momento, Pd e M5s, che ovviamente se si vedesse una coalizione alle urne potrebbe di nuovo stravolgere ogni discussione (si attesta sul 30% in quel caso la preferenza per il centrodestra unito). Dietro, il sondaggio mostra come Sinistra Italiana non va oltre al 5,7%, Fratelli d’Italia al 4,5%, e Ndc sale al 3,8%.



© Riproduzione Riservata.